San Martino Speme a secco, Baù striglia la squadra

14.10.2021 07:00 di Maria Lopez   vedi letture
Fonte: L'Arena
San Martino Speme a secco, Baù striglia la squadra

«Per la prima volta dall’inizio della stagione non siamo andati in gol. È stata una brutta prestazione e non abbiamo fatto quello che avevamo preparato in settimana».

Così Alberto Baù dopo la gara di domenica scorsa contro l’Ambrosiana di Gepy Pugliese. I rossoneri erano con l’acqua alla gola e la partita contro il San Martino era già fondamentale. Vincere significava rilanciarsi, perdere avrebbe innescato una crisi da affrontare con misure drastiche. Questo il San Martino lo sapeva bene. Ma in campo non si è vista la squadra che ha combattuto colpo su colpo contro il Campodarsego, per poi perdere con onore contro una formazione forse solo più esperta della categoria.

Non si è visto il San Martino, brillante e coeso, visto a Cartigliano, pronto a ribattere ad una formazione esperta della categoria e fragile quando la colpisci in velocità e sul fisico. «È stata una brutta sconfitta », continua il mister nerazzurro, «non ci aspettavamo certo una gara così. Durante il campionato partite del genere possono capitare. Non siamo stati in grado di arrivare in zona gol. Siamo mancati su tutto, in poche parole. Questo ci deve far riflettere e spronare a lavorare più concentrati e con più voglia durante la settimana». In effetti al San Martino contro l’Ambrosiana è mancata quella voglia che, al contrario, hanno messo in campo i rossoneri. La squadra è apparsa abulica, non è mai arrivata ad esprimersi sui soliti livelli. Poca la connessione tra i reparti, e certi tocchi di fino hanno fatto tirare la bocca a più di qualcuno. In Serie D i ricami e le giocate di fino vanno fatte quando vinci 4-0 a pochi secondi dalla fine. La categoria vuole sostanza, corsa e determinazione. Cose che domenica scorsa il San Martino non ha mostrato. È anche vero che la squadra è giovane e l’esperienza viene con il tempo. Domenica c’è l’altro derby stagionale con il Caldiero, reduce da una sconfitta pesante non preventivata a Levico.

Alberto Baù è probabile che cambi qualcosa. Questo almeno è quello che si è percepito dopo la sconfitta di domenica scorsa. È lui che deve dare quello stimolo necessario per ritornare in carreggiata e capire dove intervenire prima che sia troppo tardi. L’allenatore del San Martino ha sempre detto che gli equilibri del girone si vedranno dopo 8-9 gare, Arzignano a parte visto che farà un campionato a sé stante. Però, bisogna correre immediatamente al riparo prima che sia troppo tardi. Sia chiaro che finora non c’è nulla di compromesso. Primasi interviene, prima si trova la cura, prima si rimedia. E il San Martino sa come fare.