Trastevere, grande successo per la festa dei 110 anni del club

20.09.2019 12:30 di Anna Laura Giannini   Vedi letture
Trastevere, grande successo per la festa dei 110 anni del club

Grande successo per la festa dei 110 anni del Trastevere, ieri sera presso il We Gil, alla presenza di molte personalità legate al mondo dello sport e del calcio in particolare.

A portare il saluto della Sindaca Raggi, l'assessore Daniele Frongia, particolarmente colpito da alcuni aneddoti storici che hanno caratterizzato la storia della società. Presente anche il presidente del CONI Giovanni Malagò, che ha invece sottolineato come le società sportive dilettantistiche riescano a proseguire la loro attività grazie alla passione dei dirigenti sportivi che ne fanno parte. Pensiero fortemente condiviso anche dal presidente della LND Cosimo Sibilia, durante il suo successivo intervento. Il tutto intervallato da alcuni video con immagini datate, e altre più attuali, relative alla storia del Trastevere Calcio.

Tra gli ospiti presenti, anche il presidente del CONI Lazio Riccardo Viola, il presidente del Dipartimento Interregionale Luigi Barbiero, e il presidente del Cinema America Valerio Carocci.

Particolarmente toccante l'intervento del consigliere regionale Sergio Pirozzi, ex sindaco di Amatrice, ed ex allenatore del Trastevere. Una vera e propria storia d'amore, quella tra il mister amatriciano e il calcio, in particolar modo il Trastevere, interrotta in quel tragico 24 Agosto 2016, a causa del terremoto che colpì il centro Italia.

La cerimonia, presentata dalla dolce e bellissima giornalista Rai Isabella Di Chio, si è chiusa con l'intervento del direttore generale Flavio Maria Betturri, che ha presentato la prima squadra, con staff e calciatori al gran completo.

Quella del Trastevere è una storia di calcio e di passione, raccontata anche dal presidente amaranto Pier Luigi Betturri, che, insieme al vicepresidente Bruno D'Alessio, ha voluto fortemente che la storia del club fosse ricomposta, attraverso i tanti articoli giornalistici, e foto d'epoca, esposti in una piccola mostra al piano superiore del We Gil.