UFFICIALE: Fondo svizzero acquista il Campobasso

25.06.2019 00:00 di Giovanni Pisano   Vedi letture
UFFICIALE: Fondo svizzero acquista il Campobasso

Parlerà svizzero il prossimo Campobasso: il fondo Halley Holding, infatti, ha acquisito il 69,23% della società molisana. Di seguito il comunicato, che riportiamo integralmente:

Halley Holding, fondo di private equity di diritto svizzero, comunica che in data 10 Giugno 2019, presso un Notaio in Milano, ha sottoscritto l’accordo di compravendita per l’acquisizione del 69,23% del capitale di Città di Campobasso SSD a RL, attraverso la propria struttura operativa in Italia Cb partecipazioni sportive. Il nuovo assetto societario di Città di Campobasso a RL risulta dunque così modificato: Halley Holding 69,23 (Cb partecipazioni sportive 55% e Raffaele Mario De Francesco 14,23%), Nicola Circelli 30%, Associazione “Noi siamo il Campobasso” 0,77%. Questa operazione conclude il percorso iniziato nel Luglio 2018 con l’impegno da parte di Halley Holding di garantire un progetto finalizzato a dare nuova sostenibilità finanziaria e di conseguenza basi più solide alla storica realtà molisana. Promessa mantenuta in questi 12 mesi, che hanno visto Halley Holding investire circa 1 Milione di euro che sono anche serviti, in parte, a chiudere pregressi debiti. Parte adesso una nuova fase, in cui il nuovo azionista di maggioranza si impegna ancora per ulteriori investimenti e si riserva, inoltre, il diritto di valutare l’operato dell’attuale management e di esaminare l’effettiva situazione patrimoniale del Club, per assumere nel più breve tempo possibile decisioni opportune per il rilancio del Campobasso Calcio. A seguito di queste valutazioni, verranno comunicate dall’azionista Halley Holding le cariche sociali e dirigenziali per affrontare le importanti sfide della stagione 2019/2020. «Abbiamo a cuore il futuro del calcio a Campobasso e il nostro obiettivo sarà perciò riportare la squadra sui palcoscenici che merita – commenta Mario Gesuè, legale rappresentante del fondo Halley – ci immaginiamo un percorso di medio lungo periodo e la nostra stella polare sarà la buona gestione economica e finanziaria su cui poggia il successo di ogni impresa, anche sportiva».