UFFICIALE: Villafranca Veronese, panchina ad Arioli

25.05.2019 12:00 di Ermanno Marino   Vedi letture
UFFICIALE: Villafranca Veronese, panchina ad Arioli

È partita la programmazione della stagione sportiva 2019-2020 con la scelta del nuovo allenatore che guiderà la formazione bluamaranto in serie D. Il Villafranca ha infatti ufficializzato il nuovo allenatore che sarà Giovanni Arioli.

Queste le dichiarazioni del direttore generale Mauro Cannoletta sul nuovo mister: "Abbiamo scelto un uomo di calcio che ha già fatto la categoria da allenatore,dopo averci giocato per tanti anni . Ha le idee chiare sul progetto Villafranca che ha condiviso ampiamente dal primo momento “.

Giovanni Arioli , nato a Mantova il 23 aprile 1976, come calciatore  ha debuttato in serie A nella stagione 95-96 con la maglia del Parma siglando un gol nel derby Piacenza-Parma . Ha poi giocato nei campionati di serie C e D militando in varie squadre,  tra cui : Carpi,Lodigiani,Pro Patria,Mantova,Pro Vercelli, Lumezzane,Ivrea,Legnano,Caratese,Castiglione,Castellana,Olginatese,Darfo Boario e Vigasio.

La prima esperienza da allenatore è stata nella stagione sportiva 2012-2013 in cui da giocatore  della Castellana, ha allenato la formazione Juniores Nazionali della medesima società.

Una volta appese le scarpe al chiodo,viene chiamato nella stagione 2017/2018 ,ad allenare la formazione bianconera dell’Olginatese (LC) in serie D. Squadra infarcita di giovani “Under” con cui conquista la salvezza grazie ai 45 punti conquistati e piazzandosi al 13^ posto nel girone A di serie D in cui militavano squadre del calibro di : Gozzano, Como,Caronnese,Chieri,Folgore Caratese, Pro Sesto e Casale.

Arriva a Villafranca con molto entusiasmo, ecco le sue prime dichiarazioni a caldo: “Quando mi ha chiamato il Direttore (Mauro Cannoletta, ndr) ho accettato subito con molto entusiasmo.Conosco alcuni dei giocatori che militano nella squadra e addirittura con Bortignon abbiamo giocato assieme a Vigasio nell’anno di serie D. La società Villafranca è un punto di riferimento per le altre squadre del territorio limitrofo ed è considerata una società seria e ambiziosa che però non azzarda “il passo più lungo della gamba”. Ho lavorato molto con i giovani e per me se sono bravi giocano e vanno in campo a prescindere da gerarchie legate all’esperienza e curriculum degli altri giocatori in rosa. Quest’anno ho visto circa 80 partite tra serie D e C e la squadra del Villafranca  5/6 volte e per me ci sono elementi interessanti nella rosa per cui le premesse sono buone per allestire una squadra che possa ben figurare nel prossimo campionato di serie D. Concludo con una mia massima che recita: il campo non sbaglia mai per cui è di fondamentale importanza il lavoro che si fa durante la settimana curando l’organizzazione,la tattica,la preparazione atletica, l’analisi video della propria squadra e degli avversari il tutto finalizzato per la domenica con la prestazione e risultato sul campo".