Messi resta al Barcellona. La Pulce: "Andarmene era un bene per tutti

04.09.2020 19:10 di Anna Laura Giannini   Vedi letture
Messi resta al Barcellona. La Pulce: "Andarmene era un bene per tutti

Lionel Messi resta al Barcellona. L'argentino ha rilasciato un'intervista in esclusiva mondiale al portale Goal.com nella sua casa di Castelldefels per offrire la sua versione degli ultimi giorni.

Messi aveva intenzione di lasciare il Camp Nou, ma ora ha deciso di continuare a giocare per il club del Barça in questa stagione per un motivo importante per lui: non vuole, in nessuna circostanza, portare in tribunale il club della sua vita, la Fc Barcelona.

Di seguito le dichiarazioni della Pulce.


Perché ti ci è voluto del tempo per rompere il silenzio e uscire a parlare?

“Primo, perché dopo la sconfitta di Lisbona è stata molto dura. Sapevamo che era un avversario molto difficile, ma non sapevamo che saremmo finiti in quel modo, dando un'immagine così scadente al club e ai tifosi del Barcellona. Abbiamo dato una pessima immagine. Era sbagliato, non mi sentivo niente. Volevo che passasse del tempo e poi esco a chiarire tutto".

Perché hai detto al Barça che potevi andare?

“Ho detto al club, in particolare al presidente, che volevo andare via. L'ho ripetuto per tutto l'anno. Credevo che fosse ora di farsi da parte. Credevo che il club avesse bisogno di più giovani, nuove persone e pensavo che il mio tempo a Barcellona fosse finito, con grande dispiacere perché ho sempre detto che volevo finire la mia carriera qui. È stato un anno molto difficile, ho sofferto molto in allenamento, in campo e nello spogliatoio. Tutto è diventato molto difficile per me ed è arrivato il momento in cui ho pensato di cercare nuovi traguardi, aria nuova. Non è stata una scelta determinata a causa del risultato di Champions League contro il Bayern, era una decisione a cui pensavo da tempo. L'ho detto al presidente e beh, il presidente ha sempre detto che a fine stagione potevo decidere se volevo andare o se volevo restare e alla fine lui non ha mantenuto la parola data".

Ti sei sentito solo?

"No... Non mi sentivo solo. Solo no. Al mio fianco ci sono sempre stati quelli che ci sono da sempre. Questo mi basta e mi fortifica. Ma mi sono sentito ferito da cose che ho sentito dalla gente, dai giornalisti, da chi metteva in dubbio il mio barcelonismo e diceva cose che non mi meritavo. Mi è anche servito per vedere chi è chi. Questo mondo del calcio è molto difficile e ci sono tante persone molto false. Ciò che è accaduto mi è servito a riconoscere le persone false di cui avevo un'altra considerazione. Mi ha fatto male quando è stato messo in dubbio il mio amore per questo club. Che io resti o vada via, il mio amore per il Barça non cambierà mai".

Si è sentito di tutto. Cosa ti ha fatto più male dopo 20 anni a difendere la maglietta del Barça?

"Un po' di tutto, gli amici di Messi, i soldi... mi hanno ferito molte cose che sono state dette. Ho sempre anteposto il club a qualsiasi cosa. Ho avuto la possibilità di lasciare il Barça molte volte. I soldi? Ogni anno potevo andarmene e guadagnare più soldi che a Barcellona. Ho sempre detto che questa era casa mia ed era quello che sentivo e sento. Meglio di qui è difficile. Sentivo che avevo bisogno di un cambiamento e nuovi obiettivi, cose nuove.
È da un po' che non c'è un progetto, non c'è niente, fanno le acrobazie e vanno a tappare buchi".

Alla fine è molto difficile rinunciare a vent'anni, a tutta una vita, a una famiglia che sta a Barcellona, a una città... E questo è quanto pesa di più il tempo di prendere una decisione... Perché capisco che alla fine rimani a Barcellona no? Sei ancora a Barcellona...

"Certo che mi è costato molto decidere. Non viene dal risultato della Bayern, ma da tante cose. Ho sempre detto che volevo finire qui e ho sempre detto che volevo restare qui. Che voleva un progetto vincente e vincere titoli con il club per continuare ad ampliare la leggenda di Barcellona a livello di titoli. E la verità è che da tempo non c'è un progetto, non c'è niente, si fanno dei giochini e si coprono i problemi mentre le cose vanno avanti. Come ho detto prima, ho sempre pensato al benessere della mia famiglia e del club- Quando ho detto alla mia famiglia che potevo andarmene è stato un dramma. Tutti si sono messi a piangere".

Parlacene...?

"Quando l'ho detto a mia moglie e ai miei figli, è stato un dramma barbarico. Tutta la famiglia piangeva, i miei figli non volevano lasciare Barcellona, né cambiare scuola. Ho guardato oltre e voglio gareggiare ai massimi livelli, vincere i titoli, gareggiare le Champions. Puoi vincere o perdere, perché è molto difficile, ma devi competere. Almeno gareggiare e non farci passare sopra come da Roma, Liverpool, Lisbona. Tutto questo mi ha fatto pensare a quella decisione che non ho fatto. Torniamo al punto di partenza... Ho pensato ed eravamo sicuri che ero libero, il presidente ha sempre detto che a fine stagione potevo decidere se restavo o no, e ora si aggrappano che non ho detto prima del 10 giugno quando si scopre che il 10 giugno stavamo giocando ancora la Liga ed eravamo nel bel mezzo del virus di merda di questa malattia che ha alterato tutte le date. E questo è il motivo per cui io sarò ancora nel Barcellona... Ora resterò al club perché il presidente mi ha detto che l'unico modo per andarmene era pagare la clausola dei 700 milioni, che è impossibile, e che poi c'era un altro modo: andare in tribunale. Io non andrei mai in tribunale contro il Barcellona perché è il club che amo, che mi ha dato tutto da quando sono arrivato, è il club della mia vita, ho qui la mia vita. Il Barça mi ha dato tutto e io gli ho dato tutto, non mi è mai passato per la testa di portare il Barça in tribunale".

È questo che ti ha ferito di più, che qualcuno pensa che tu possa aver fatto del male al Barça? Hai difeso il club per anni ed eri la bandiera del FC Bacelona. Ti ha fatto male che dubitassero del tuo essere barcellonese?

"Mi dispiace molto che si pubblichino cose contro di me e soprattutto che si pubblichino cose false. O che si pensasse di poter andare in tribunale contro il Barça per potermi liberare. Non farei mai una cosa del genere. Ripeto, me ne volevo andare e ne avevo tutto il diritto, perché lo diceva il contratto che potevo essere liberato. E non è che me ne sarai andato e basta. Andarmene mi sarebbe costato moltissimo. Volevo andarmene perché pensavo di vivere felicemente i miei ultimi anni di calcio. Quest'ultima stagione non è stata felice per me all'interno del club".

Questo è vitale. Essere felici. Sei un vincitore nato. Sei in una squadra che lotta per titoli e queste ultime stagioni il Barça non ha gareggiato in Europa. Sarai ancora al Barça a guidare la squadra, ma qualcosa dovrà cambiare nel Barça, no? Qualcosa dovrà cambiare a livello sportivo, no?

"Resterò nel Barça e il mio atteggiamento non cambierà nonostante la volontà di andare via. Darò il meglio. Voglio sempre vincere, sono competitivo e non mi piace perdere niente. Voglio sempre il meglio per il club, per la squadra e per me. Ora non so cosa succederà. C'è un nuovo allenatore e una nuova idea. È un bene, ma poi dobbiamo vedere come reagisce la squadra e se saremo o meno competitivi. Quello che posso dire è che resto e darò il massimo".

Qual è stata la prima cosa a cui hai pensato quando c'era gente che poteva andartene e che in realtà non ti importava di Barcellona? Qual è stata la prima cosa che hai pensato? Sensazione di rabbia?

"Mi è dispiaciuto molto che abbiate dubitato del mio essere barcellonese con tutto il mio apprezzamento per questo club. Lo amo e da nessuna altra parte starò bene come qui. Sono comunque nel diritto di poter decidere. Volevo cercare nuovi obiettivi e nuove sfide. E domani potrei tornare, perché qui a Barcellona ho tutto. Mio figlio, la mia famiglia, sono cresciuti qui e sono di qui non c'era niente di male ad andarmene in questo momento. Ne avevo bisogno io, il club ne aveva bisogno ed era un bene per tutti".

La famiglia è una cosa molto importante nella tua vita. Tuo padre ha passato un brutto periodo, tua signora anche, i tuoi figli che ti hanno chiesto? Che ti hanno detto? Ti avranno detto ‘papà, questo', ‘papà quello'... guardavano la televisione e ti chiedevano qualcosa?

"Tutto questo tempo è stato difficile per tutti. Avevo chiaro in mente quello che volevo, lo avevo deciso e comunicato. Mia moglie con tutto il dolore dell'anima mi sosteneva e accompagnava...".

.. Ma l'importante della famiglia è Matteo...

(Risate) "... Sì, Mateo è ancora piccolo e non si rende conto di cosa significhi andare altrove e fare la propria vita qualche anno dopo. Thiago sì, è più grande. Ha sentito qualcosa in TV e ha scoperto qualcosa e chiedeva. Non voleva sapere niente di poter andare via, frequentare una nuova scuola o fare nuovi amici. Mi piangeva e mi diceva no".

Sei arrivato a Barcellona all'età dei tuoi figli ora. Diventa più difficile. Ci sono due cose fondamentali che la gente vorrebbe sapere... resti nel Barça, guidi di nuovo la squadra? Un messaggio ottimistico per i tifosi per il futuro?

"Come al solito. Darò il massimo, daremo il massimo per lottare per tutti gli obiettivi, e speriamo che arrivino e possano essere dedicati alle persone che hanno passato un brutto periodo. Io ho passato un brutto periodo, ma è ipocrita dirlo se lo paragoniamo alle persone che hanno davvero avuto problemi con il virus, alle persone che hanno perso parenti e che hanno perso molte cose. Vorrei poter dare il meglio e dedicare le vittorie a tutte quelle persone che ci accompagnano dall'alto e ai loro familiari, così da poter dedicare il meglio a quelle persone che stanno passando un brutto momento e che possiamo finalmente superare questo virus e tornare alla normalità"

Il famoso burofax. Si è parlato molto del fatto che Messi è male consigliato e mal consigliato dalla decisione di comunicare che volevi partire per BurofaxPerché hai deciso di inviare quel burofax? Cosa volevi dimostrare? Qual era la tua posizione?

"Il Burofax era per renderlo ufficiale in qualche modo. Per tutto l'anno ho detto al presidente che volevo andarmene, che era giunto il momento di cercare nuove illusioni e nuove strade nella mia carriera. Mi ha sempre detto: parleremo di questo e di altro, ma niente. Per usare un eufemismo, il Presidente non mi dava la palla che gli stavo chiedendo. Mandare il burofax significava rendere ufficiale che volevo andare e che ero libero e l'anno opzionale non lo avrei usato e volevo andare via. Non era per fare casino, o per andare contro il club, ma per renderlo ufficiale perché la mia decisione era stata presa...".

Se non avessi mandato il burofax, forse tutto sarebbe stato dimenticato...

"Certo. Se io non invio il burofax è come se non fosse successo niente, mi rimane l'anno opzionale che ho avuto. Dicono che non l'ho detto prima del 10 giugno, ma ripeto, eravamo nel bel mezzo di tutte le gare e non era il momento. Ma a parte questo, il presidente mi ha sempre detto che alla fine della stagione decidi se restare o andartene, non ha mai fissato una data, e, beh, era solo per ufficializzare il club che non seguiva, ma non per litigare perché non volevo litigare con il club".