Union Clodiense, Cavagnis: «La realtà è che la squadra è stata costruita per stare ai vertici della classifica»

26.02.2024 14:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    vedi letture
Union Clodiense, Cavagnis: «La realtà è che la squadra è stata costruita per stare ai vertici della classifica»

Queste le dichiarazioni rilasciate in conferenza stampa dal direttore sportivo dell’Union Clodiense, Alberto Cavagnis, al termine della partita vinta per 1-0 ieri dai granata contro il Portogruaro: “Una vittoria concreta e di competenza contro un avversario a cui è giusto fare i complimenti. Loro giocano e sono venuti a fare la partita, quindi è giusto fare i complimenti ai ragazzi e andare avanti su questa strada. La classifica è giusto anche guardarla, però come ho sempre detto è anche giusto dare il giusto peso. Oggi è stata una partita che ci dà ancora più morale ed energia per provare a raggiungere l’obiettivo che ci siamo messi. La partita gira su un episodio a nostro favore e siamo stati anche bravi. Sono partite chiuse, dove le occasioni sono poche, abitualmente si chiudono, anche perché vengono a giocare qui contro la prima. Siamo stati bravi, però, a cogliere a nostro favore l’episodio che abbiamo avuto. La prossima settimana dovremo recuperare Beltrame, Serena e Bonetto si stanno allenando. Contiamo di recuperali quanto prima, siamo a un buon punto".

Continua: "La realtà è che la squadra è stata costruita per stare ai vertici della classifica, poi i ragazzi hanno fatto qualcosa di straordinario nel girone d’andata. Per vincere le gare bisogna fare fatica e stare sul pezzo, ma verso questo atteggiamento bisogna essere contenti di quello che stanno facendo i ragazzi. Vorrei di certo vedere più pubblico allo stadio, perché questa squadra sta facendo delle cose importanti. Il mio appello va al di là della curva, che è sempre presente. Li ringraziamo, ma io parlo degli altri settori dello stadio, che penso dovrebbero essere più partecipi per quello che è il percorso di questa squadra. Venite allo stadio e seguite questi ragazzi che danno grandi soddisfazioni. Quest’anno abbiamo portato cinque ragazzi in ritiro e costantemente portiamo dei ragazzi con noi in panchina e in allenamento. Per fare esordire un ragazzo bisogna anche dare il contesto al ragazzo. Sicuramente diversi ragazzi sono a contatto con noi. I giovani ci sono. La politica della società è quella di investire sui giovani, anche in futuro”.