Casertana, Origlia: «Fuori casa ci sta girando male»

22.11.2019 08:30 di Nicolas Lopez   Vedi letture
Casertana, Origlia: «Fuori casa ci sta girando male»

“Il mister mi prova sia mezzala che seconda punta. Mi trovo bene in entrambi i ruoli, non ho preferenze. Abbiamo tutti massima fiducia e ci aiutiamo l’uno con l’altro. Mi hanno messo in condizione di fare bene. Sono contento di aver contribuito alla vittoria contro l’Avellino, ma ora siamo già pronti per Catania”.

Gioele Origlia è stato senza dubbio tra i protagonisti del derby vinto dalla Casertana. Un assist e mezzo (considerando il palo colpito dal calciatore romano e sulla cui respinta Starita a segnato la prima rete).

Infortunio alle spalle – “A inizio campionato sono stato fermo per un’operazione. Ma ho avuto la squadra vicina e mi ha aiutato tanto a rientrare e a fare in modo che potessi ritagliarmi il mio spazio. Appena arrivi in una nuova realtà hai voglia di farti conoscere e metterti in mostra agli occhi del mister; purtroppo l’infortunio ha condizionato l’avvio di questa stagione e questo non è stato possibile. La società mi è stata sempre vicina, il direttore Violante, il mister, il dottor Riello, il dottore Agnano, i fisioterapisti. E’ stato un periodo non facile, ma per fortuna è acqua passata. L’impatto con il professionismo è stato molto sereno. All’inizio è stato senza dubbio emozionante, soprattutto quando in ritiro mi sono ritrovato in camera con Floro Flores. Un calciatore con un trascorso importante in A e del suo spessore non lo incontri tutti i giorni. Ma alla fine è stato facile. Perché Antonio è un giocatore sempre molto disponibile e cerca di aiutare i più giovani. E’ un grande professionista”.

La fame – “Ho saputo che avrei giocato poco prima del riscaldamento. Il mister prepara la partita senza dare troppe indicazioni. In settimana mi aveva provato, ma anche altre soluzioni. Ce la metto sempre tutta. Si può fare sempre meglio ed evitare quegli errori che con l’esperienza si impara a superare. Spero di giocare ancora e di aver messo in difficoltà il mister. So bene che in squadra ci sono calciatori di esperienza e spessore. Io sarò sempre pronto quando l’allenatore vorrà chiamarmi in causa”.

Mister Ginestra – “Il mister crede nei giovani, dà tanta fiducia a tutti noi. In settimana ci aiuta sempre e non ce la mattiamo tutta per ripagare quanto riesce a darci quotidianamente”.

Trend esterno -  “Noi prepariamo ogni partita allo stesso modo, per vincere. Chiaro che in casa c’è la spinta del nostro pubblico a darci una mano e fuori casa in questo momento ci sta girando male. Ma abbiamo voglia di fare bene anche in trasferta. Il Catania? Mi troverò di fronte giocatori che vedevo in tv, ma non ho timore. Dovessi essere chiamato in causa proverò a dire la mia”.