Padova, mister Torrente: «Non eravamo fenomeni ieri, non siamo scarsi oggi»

12.02.2024 20:15 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    vedi letture
Padova, mister Torrente: «Non eravamo fenomeni ieri, non siamo scarsi oggi»

Mister Vincenzo Torrente alla vigila di Pro Patria-Padova:  “Sono sereno e ho visto la squadra bene. Dopo quanto accaduto col Trento è meglio sicuramente tornare in campo subito. Loro hanno fatto tanti punti nelle ultime partite e sarà una partita difficile contro una squadra in grande forma. Mi aspetto una risposta caratteriale dalla squadra dopo quanto abbiamo visto. Ho parlato singolarmente con i giocatori, abbiamo perso un po’ di spensieratezza rispetto a qualche settimana fa. Giochiamo meno sereni, facciamo errori tecnici grossolani, mentre all’andata non era quasi mai successo. Parlare di ultimi treni non ha senso, sono chiacchiere, pensiamo solo a essere concreti. I conti si fanno alla fine. Per quanto riguarda la partita di domani farò le mie valutazioni, di solito è la terza partita ravvicinata quella più difficile. Liguori non ci sarà per squalifica, Palombi e Tordini hanno fatto bene, Zamparo un po’ meno ma sono tutti in ballo. Bianchi ha un problema al polpaccio e Cretella dovrebbe tornare per la prossima. I singoli? Qualcuno con il Trento è andato al di sotto delle proprie potenzialità ma può succedere".

Continua: Sabato ci eravamo messi nella situazione migliore con il vantaggio immediato, ci vuole più personalità. Sabato ci eravamo messi nella situazione migliore con il vantaggio immediato, ci vuole più personalità. La Pro Patria fa un lavoro difensivo ottimo ed è veloce nelle ripartenze, giocavano con il 3-5-2, ora sono più offensivi con il 3-4-1-2, ci vorrà una grande prestazione per batterli. Prime critiche dei tifosi? Siamo sempre sotto esame. Sono sereno, faccio questo lavoro con grande professionalità, ricordo che abbiamo perso solo una volta, questa squadra è seconda in classifica, seconda miglior difesa, terzo attacco… Dovremmo fare di più, ma dico che non eravamo fenomeni ieri, non siamo scarsi oggi, mi sembra tutto esagerato, soprattutto nei confronti dei ragazzi”