Morto l'ex Primo Ministro giapponese Shinzo Abe: assassinato durante un discorso

08.07.2022 12:02 di Nicolas Lopez   vedi letture
Morto l'ex Primo Ministro giapponese Shinzo Abe: assassinato durante un discorso

L'ex primo ministro giapponese Shinzo Abe è morto dopo essere stato colpito a colpi di arma da fuoco durante un discorso elettorale oggi, venerdì 8 luglio 2022, a Nara. Aveva 67 anni.

Abe è stato dichiarato morto dai medici dell'ospedale della Nara Medical University nel Giappone centrale alle 17:03. ora locale. È stato ricoverato in ospedale in stato di arresto cardiaco e il personale medico non è stato in grado di fermare l'emorragia eccessiva, hanno detto i medici durante una conferenza stampa venerdì.

Ha 41 anni ed è un ex militare l’uomo che ha ferito a morte l’ex premier Shinzo Abe durante un comizio. La polizia nipponica ha arrestato il 41enne Tetsuya Yamagami per aver esploso i due colpi di arma da fuoco contro l’ex primo ministro a Nara, nel Giappone centro-occidentale. L’uomo, un residente locale, era riuscito a eludere la sicurezza e ad avvicinarsi ad Abe, impegnato in un discorso elettorale. Ancora poco chiare le ragioni del gesto. L’assalitore di Nara è un ex militare, membro della Marina delle forze di auto difesa giapponesi, ha reso noto l’emittente Fuji Tv, ricordando che è stato arrestato immediatamente. L’uomo avrebbe detto di aver agito per “frustrazione”.

Abe ha servito due mandati separati come leader giapponese per l'LDP di destra: il primo dal 2006 al 2007, poi di nuovo dal 2012 al 2020. Il suo secondo periodo è stato il mandato consecutivo più lungo per un capo del governo giapponese.

La notizia dell'assassinio di Shinzo Abe ha suscitato messaggi di shock e cordoglio da parte dei leader stranieri, molti dei quali hanno lavorato con Abe durante il lungo mandato dell'ex Primo Ministro.

"La sua leadership globale in tempi inesplorati sarà ricordata da molti", ha scritto il primo ministro britannico Boris Johnson in un tweet. "I miei pensieri vanno alla sua famiglia, ai suoi amici e al popolo giapponese. Il Regno Unito è con te in questo momento buio e triste".

Anche il sindaco di Londra Sadiq Khan ha twittato le sue condoglianze, definendo la sparatoria "un attacco alla democrazia" e "un vergognoso atto di codardia per mettere a tacere un leader politico".

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha annunciato che, in segno del "nostro più profondo rispetto", l'India terrà una giornata di lutto nazionale sabato. Abe era "un imponente statista globale, un leader eccezionale e un amministratore straordinario", ha detto Modi, aggiungendo che il suo rapporto con Abe "risale a molti anni fa".

Il primo ministro australiano Anthony Albanese ha detto che Abe è stato un "grande amico e alleato dell'Australia" e ha detto al popolo giapponese: "Piangiamo con voi".

La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha definito Abe "una persona meravigliosa", aggiungendo: "Questo brutale e codardo omicidio di Shinzo Abe sconvolge il mondo intero".

Abe sarà ricordato per aver aumentato le spese per la difesa e aver spinto attraverso il cambiamento più drammatico nella politica militare giapponese degli ultimi 70 anni. Nel 2015, il suo governo ha approvato una reinterpretazione della costituzione pacifista giapponese del dopoguerra, consentendo alle truppe giapponesi di impegnarsi in combattimenti all'estero per la prima volta dalla seconda guerra mondiale.

Abe ha affermato che il cambiamento era necessario per rispondere a un ambiente di sicurezza più impegnativo, un cenno a una Cina più assertiva e frequenti test missilistici in Corea del Nord.

Durante il suo mandato, Abe ha cercato di migliorare le relazioni con Pechino e nel 2018 ha tenuto una storica telefonata con il leader cinese Xi Jinping. Allo stesso tempo, ha cercato di contrastare l'espansione cinese nella regione unendo gli alleati del Pacifico.

Dopo aver lasciato l'incarico, Abe è rimasto a capo della più grande fazione dell'LDP al potere ed è rimasto influente all'interno del partito. Ha continuato a fare campagna per una politica di sicurezza più forte e l'anno scorso ha fatto arrabbiare la Cina chiedendo un maggiore impegno da parte degli alleati per difendere la democrazia a Taiwan. In risposta, Pechino ha convocato l'ambasciatore del Giappone e ha accusato Abe di sfidare apertamente la sovranità cinese.

Abe è nato il 21 settembre 1954 a Tokyo, da un'importante famiglia politica. Sia suo nonno che suo prozio hanno servito come primo ministro e suo padre era un ex segretario generale dell'LDP.
Ha studiato politica alla Seiki University di Tokyo e alla University of Southern California, ma inizialmente è entrato nel mondo degli affari, prendendo un incarico presso Kobe Steel nel 1979. Tre anni dopo, è diventato assistente del Ministro degli Affari Esteri.
Abe è stato eletto per la prima volta alla Camera dei rappresentanti del Giappone nel 1993, all'età di 38 anni. Ha ricoperto numerosi incarichi di gabinetto negli anni 2000 e nel 2003 è diventato segretario generale dell'LDP. Quattro anni dopo, fu nominato presidente del partito e divenne primo ministro del Giappone.
Il suo primo mandato è stato segnato da controversie e peggioramento della salute, e si è dimesso da leader del partito e primo ministro nel 2007. La fine del primo mandato di Abe ha aperto una porta girevole in cui cinque diversi uomini hanno ricoperto la carica di primo ministro in cinque anni fino alla sua rielezione nel 2012. Si è dimesso nel 2020 adducendo problemi di salute.

Abe era una figura di spicco sulla scena mondiale. Ha coltivato forti legami con Washington - il tradizionale alleato di Tokyo - e ha tentato di costruire una relazione personale con l'ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump, recandosi a New York per incontrare il neoeletto presidente repubblicano mentre l'ex presidente Barack Obama era ancora in carica.

Durante quell'incontro "non ufficiale" nel 2016, il primo di Trump con un leader mondiale, Abe ha salutato l'alleanza USA-Giappone e ha detto di voler "costruire la fiducia" con il nuovo presidente. Ha fortemente sostenuto la linea dura iniziale di Trump sulla Corea del Nord, che corrispondeva alle tendenze da falco di Abe.

Ma mentre il rapporto di Washington con Pyongyang tendeva alla diplomazia, con Trump e il presidente sudcoreano Moon Jae-in che tenevano vertici storici con il leader nordcoreano Kim Jong Un, Abe sembrava essere messo da parte.
Non era previsto alcun incontro tra Abe e Kim e, nel settembre 2019, il leader giapponese si è detto ancora "determinato" ad incontrarlo. Abe voleva normalizzare le relazioni con la Corea del Nord e allentare le tensioni nella penisola coreana, ma la sua prima priorità era portare una certa chiusura alle famiglie dei cittadini giapponesi rapiti dalla Corea del Nord negli anni '70 e '80.
Durante il suo mandato, le relazioni del Giappone con la Corea del Sud si inasprirono. I due paesi furono coinvolti in una grande disputa in cui gli accordi commerciali e di intelligence militare furono demoliti, in parte a causa dell'eredità della seconda guerra mondiale e della brutale colonizzazione giapponese della penisola coreana.

Abe è entrato in carica durante un periodo di turbolenze economiche e presto ha iniziato a riavviare l'economia giapponese dopo decenni di stagnazione. Subito dopo essere stato rieletto primo ministro nel 2012, ha lanciato un grande esperimento popolarmente noto come "Abenomics".
Comprendeva tre cosiddette frecce: massiccio stimolo monetario, aumento della spesa pubblica e riforme strutturali.
Gli alleati di Abe hanno elogiato il piano per rilanciare l'economia del paese e aumentare la fiducia dei consumatori e degli investitori. Ma dopo un inizio forte, ha vacillato e nel 2015 Abe ha lanciato "tre nuove frecce" progettate per aumentare il prodotto interno lordo. Qualsiasi speranza che alla fine potesse centrare il segno è stata delusa quando il Covid-19 ha travolto il paese nel 2020, portando il Giappone in recessione.
Uno dei maggiori successi nazionali di Abe è stato assicurarsi le Olimpiadi di Tokyo 2020. Abe ha deliziato i fan dei videogiochi di tutto il mondo quando si è vestito come l'icona giapponese Super Mario durante la cerimonia di chiusura dei Giochi di Rio nel 2016, per presentare Tokyo come la prossima città ospitante.

In un segmento immediatamente memebile, Abe, con indosso un berretto rosso oversize, è stato mostrato mentre emergeva da una pipa verde, mentre i suoni del videogioco di Super Mario echeggiavano intorno allo stadio Maracanã.
Ma il successo dei tanto attesi Tokyo Games è stato infine annullato dalla pandemia di Covid-19, che ha costretto la competizione a essere posticipata al 2021.
Un'iniziale riluttanza a ritardare i Giochi è stata in parte attribuita alla lenta risposta del Giappone alla pandemia di coronavirus, che ha colpito il paese all'inizio del 2020. Abe ha dichiarato lo stato di emergenza mesi dopo che sono stati rilevati i primi casi. La sua amministrazione è stata anche criticata per il basso tasso di test e per una precoce mancanza di attrezzature mediche specialistiche per curare il numero crescente di pazienti.
Più successo fu la gestione da parte di Abe dell'abdicazione dell'imperatore Akihito, il primo monarca giapponese a dimettersi in due secoli. Gli successe suo figlio, l'imperatore Naruhito, nell'ottobre 2019, dando inizio all'era Reiwa.

"Come i fiori del susino che sbocciano orgogliosamente in primavera dopo il freddo inverno, auguriamo al popolo giapponese di sbocciare come fiori singoli con la (promessa del) futuro. Con un tale desiderio per il Giappone, abbiamo deciso 'Reiwa', " disse Abe nell'annunciare la nuova era.
Abe lascia la moglie Akie Abe, nata Matsuzaki, che ha sposato nel 1987. La coppia non ha avuto figli.