Marcello Lippi: «La Virtus Viareggio un "modello" per la rinascita»

Eccellenza Toscana
20.09.2019 18:00 di Stefano Alessio Biosa   Vedi letture
 Marcello Lippi: «La Virtus Viareggio un "modello" per la rinascita»

Dopo il trauma per la scomparsa del Viareggio 2014 anche Marcello Lippi, intervistato da "Il Tirreno" detta la sua ricetta per la rinascita del calcio bianconero.

Il primo ingrediente una squadra fatta di giocatori viareggini "che portino alle partite le proprie famiglie, le proprie fidanzate, gli amici", una società quindi fondata su un settore giovanile importante. Settore giovanile che potrebbe essere il diretto contributo del popolare allenatore ad una nuova società che investa sull'appartenenza e sulla funzione sociale del calcio. "Per questo vedo di buon occhio una società come la Virtus Viareggio", aggiunge ancora Lippi, e benché la neosocietà zebrata abbia rilevato il titolo sportivo del Montignoso, potrebbe essere "una via d'uscita per superare questa impasse".

Sullo stadio (ancora in attesa dei lavori di rifacimento e della sua riapertura) augurandosi una celere riapertura, Lippi ripercorre la vicenda della mancata realizzazione, sotto la gestione di Stefano Dinelli (allora l'Esperia Viareggio militava il C1) del nuovo stadio dei Pini, che grazie all'Istituto del Credito Sportivo, sarebbe stato realizzato a costo zero per le casse comunali, "un'occasione d'oro che Viareggio non ha saputo cogliere". L'endorsement di Marcello Lippi potrebbe contribuire a ricompattare la spaesata tifoseria viareggina, divisa tra la Virtus Viareggio (militante nel campionato di Eccellenza toscana) e lo Sporting Viareggio '86 (2^ categoria), al momento scelta da quei tifosi che non si riconoscono ancora pienamente nel progetto sportivo dell'altra Viareggio calcio. Ma potrebbe sciogliere definitivamente le riserve di quella imprenditoria sportiva che al momento era rimasta alla finestra. Se così fosse, la rinascita del calcio a Viareggio potrebbe ricominciare da subito con un inatteso e poderoso slancio.