Sandonà, che sfogo di Pulzetti: "Nel calcio più sei uomo di m***a e più vai avanti..."

08.05.2020 15:20 di Redazione NotiziarioCalcio.com   Vedi letture
Sandonà, che sfogo di Pulzetti: "Nel calcio più sei uomo di m***a e più vai avanti..."

"Più sei umile e più se ne approfittano". Parola di Nico Pulzetti. Il centrocampista classe '84, che dopo una vita passata nel calcio professionistico - tra Livorno, Chievo, Bologna e non solo - ha deciso di dire la sua anche nel campionato di Eccellenza, al Sandonà, con un lungo post pubblicato sulla sua pagina Instagram, si è sfogato senza mezzi termini analizzando tutte le difficoltà che il calcio italiano di seconda fascia ha affrontato e continuerà ad affrontare in seguito all'emergenza Coronavirus.  “Con questo post ci metto la faccia e pure il nome, ed è per tutte quelle persone che credono che il lavoro del calciatore sia solo correre dietro ad un pallone e guadagnare un sacco di soldi . Ecco vorrei dire che non è così, forse non sapete che il calcio muove milioni di euro e dà lavoro a moltissime famiglie, anche a chi con il calcio non c’entra niente. Tra affitti di appartamenti, ritiri e pranzi in alberghi in località poco conosciute, viaggi e trasferte, noleggio dei pullman, affitti e gestione degli stadi ed impianti sportivi dalla Serie A alla terza categoria, spese mediche, e potrei star qui ore ad elencare. È un lavoro come tanti dove ci vogliono tanti sacrifici, tanta dedizione e tantissima passione, dove la maggior parte delle volte sei trattato come una pedina senza scrupoli."

 "Una differenza c’è rispetto agli altri lavori - ha proseguito in maniera piuttosto decisa il classe '84 -. Più sei umile e serio come giocatore e più se ne approfittano di te, più sei un uomo di merda e leccaculo più ti portano in alto. Dopo 17 anni da professionista sono approdato nei dilettanti, ed ho visto tantissime cose che mi hanno aperto gli occhi. Ho conosciuto tantissimi giocatori, che prima del calcio per loro veniva il lavoro e lo studio e con una forza e passione incredibile si spogliavano e scendevano in campo senza mai lamentarsi. Le stesse persone che qualcuno critica, e credetemi stiamo parlando di stipendi o rimborsi che vanno da poche centinaia di euro, a qualcosa in più rispetto ad un normalissimo operaio”, ha concluso Pulzetti.