Pucetta, Di Virgilio: «Siamo un gruppo fantastico»

Promozione Abruzzo
18.12.2019 00:30 di Maria Lopez   Vedi letture
Pucetta, Di Virgilio: «Siamo un gruppo fantastico»

Domenica il Pucetta è tornato ad esprimere un bel gioco riuscendo a vincere per 3 a 0 contro il Piano della Lente. La vittoria è stata il frutto di una bellissima prestazione corale che ha visto tutti i ragazzi dare il massimo per fare uscire il Pucetta da un mese senza vittorie. La vittoria è stata netta e tra i protagonisti non potevamo di certo non citare Alberto Di Virgilio. Quella di domenica è stata la sua miglior gara da quando è al Pucetta ed è stata una continua spina nel fianco per gli uomini di mister Muscarà. Nonostante le sirene di mercato il bomberino tascabile ha scelto di restare in gialloblù. Lo abbiamo raggiunto per tastare con mano le sue impressioni sulla partita di domenica e sul momento della squadra.

Ieri per te è stata la miglior gara con la maglia del Pucetta: un gol, un gol quasi annullato (l’arbitro ha fischiato prima), un assist e un quasi assist se contiamo anche il colpo di testa mancato che ha generato il 2 a 0 di Idrofano. E’ il segno che sei finalmente al top della forma fisica?
“E’ vero, contro il Piano della Lente è stata la mia miglior gara da quando sono al Pucetta. Sono contentissimo per il gol e dispiace per tutti questi gol regolari annullati per dei fuorigioco inesistenti. Spiace perché si sa che per un attaccante il gol è vitale. Sono però altresì contento di potermi mettere a disposizione della squadra e che segnino anche i miei compagni. In questo periodo sfortunatamente non sto lavorando, però d’altro canto riesco a dedicarmi maggiormente al calcio e ad allenarmi con continuità, per cui sì sto vivendo un bel periodo di forma.”

Sei stato contattato da alcune società che ti hanno voluto fortemente in questo mercato di dicembre. Alla fine hai scelto di restare in gialloblù. Dal punto di vista mentale chiudere il mercato ti ha aiutato a concentrarti anima e corpo sulla gara di domenica?
“Sì, sono stato contattato da altre società, ma la mia volontà è sempre stata quella di rimanere al Pucetta e di fare bene con la casacca gialloblù. E voglio affermare che dal punto di vista mentale ho sempre dato il 100% in campo.”

Saresti il capocannoniere del Pucetta assieme a Barrow se non ti avessero annullato quelle quattro reti regolari. La cosa ti infastidisce?
“Dal punto di vista realizzativo dispiace perché comunque sono state annullate quattro reti regolari. Però non importa chi segna, l’importante è che si raggiunga il risultato è che si remi tutti dalla stessa parte. Sono molto contento per Barrow che è giovane e sta facendo molto bene. Inoltre io mi trovo bene con lui. Per quanto mi riguarda sono sicuro che i gol arriveranno e che chiuderò la stagione con un bel bottino.”

Domenica prossima salterai la sfida contro il Pizzoli, assieme a Tavani, Zazzara e Paris. Quanto pensi che peseranno queste assenze?
“Sì, domenica avremo delle assenze importanti, ma comunque siamo un gruppo numeroso e sono sicuro che chi giocherà al posto nostro darà il 100% per portare a casa il risultato.”

Infine, dopo che l’anno scorso hai giocato in Eccellenza facendo molto bene, qual è la tua opinione, in attesa della prima di ritorno, sul girone A di Promozione? Te l’aspettavi così o è stato più difficile del previsto? E c’è una squadra che ti ha impressionato più di altre?
“Nessuna squadra mi ha impressionato particolarmente. Il nostro è un girone assai complicato. Ci sono una decina di squadre pericolose e tra queste ci siamo anche noi che possiamo dire la nostra. Dobbiamo solo trovare continuità.”

Di Virgilio a fine intervista vuole comunque mandare un messaggio a tutta la società del Pucetta e ai suoi compagni di squadra “Voglio ringraziare la società, il mister, e i miei compagni di squadra. Con loro in particolare abbiamo costruito un gruppo fantastico con il quale mi trovo benissimo. Poche volte in carriera mi è capitato di trovarmi così bene in uno spogliatoio come quest’anno. E faccio un grosso in bocca al lupo al Pucetta, perché ce lo meritiamo.”