Anconitana, Marconi: «Abbiamo tante indicazioni positive circa il ripescaggio in serie D»

26.05.2020 15:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com   Vedi letture
Fonte: youtvrs.it
Anconitana, Marconi: «Abbiamo tante indicazioni positive circa il ripescaggio in serie D»

E’ un fiume in piena Stefano Marconi presidente dell’Anconitana intervenuto a Radio Tua: «Abbiamo tante indicazioni positive circa il ripescaggio in serie D, il settore giovanile non conta nulla per quello che riguarda i parametri. Faremo una serie D da protagonisti per tale motivo il nostro obiettivo è Ermanno Pieroni con il quale abbiamo avuto un contatto preliminare che risale a due settimane fa ma a breve cercheremo di metterci seduti attorno ad un tavolo per pianificare il futuro anche se al momento Pieroni è un tesserato dell’Arezzo. Reputo Ermanno Pieroni una figura in grado di far fare il salto di qualità all’Anconitana, sarà lui a seguire l’aspetto tecnico e l’intera organizzazione della società. Chi pensa che non saremo compatibili si sbaglia di grosso».

Lo stesso presidente ha poi puntualizzato quanto sia importante il Dorico per il futuro dell’Anconitana: «Attorno a noi c’è sempre stato un alone di scetticismo ma ora molta gente dovrà ricredersi. L’amministrazione comunale crede in noi apprezza il nostro modo di lavorare resta il fatto che il Dorico rappresenta un crocevia fondamentale per il futuro del club. Siamo partiti nel 2017, poco alla volta siamo andati avanti ed ora siamo ad un passo dal professionismo per questo motivo sarà necessario strutturare la società in una certa maniera. L’Anconitana a breve diventerà una Srl o una Spa ma tengo a precisare che le azioni resteranno nelle mani del sottoscritto e in quelle di mio figlio Andrea. Il club diventerà una azienda, ci saranno grossi investimenti ma nel tempo come tutte le aziende in mio possesso darà dei risultasti anche sul piano economico. Il prossimo anno come ho già detto in passato non seguirò l’aspetto tecnico ci sarà una persona qualificata in grado di gestire questa componente».