Approvato il "UEFA Strategy 2024-2030": nuovo sistema di distribuzione dei ricavi per i club

07.02.2024 23:15 di Francesco Vigliotti   vedi letture
Approvato il "UEFA Strategy 2024-2030": nuovo sistema di distribuzione dei ricavi per i club

Il Comitato Esecutivo della UEFA si è riunito oggi a Parigi per ratificare il piano "UEFA Strategy 2024-2030", il quale definisce il nuovo sistema di distribuzione dei ricavi delle competizioni UEFA per club. La UEFA ha dichiarato che questa strategia mira a promuovere sempre di più il calcio in ogni comunità europea, preservando il legame essenziale tra il calcio di base e le competizioni d'élite. La strategia è basata su 7 valori chiave: rispetto, uguaglianza, equità, apertura, unità, integrità ed eccellenza.

Per quanto riguarda il sistema di distribuzione dei ricavi delle competizioni UEFA per club maschili per il triennio 2024-2027, la soglia prevista è di 4,4 miliardi di euro. Di questo importo, il 10% (440 milioni di euro) è destinato alla solidarietà, il 7% (308 milioni di euro) ai club non partecipanti e il 3% (132 milioni di euro) ai club che partecipano ai turni di qualificazione. Inoltre, 25 milioni di euro sono destinati alla UEFA Women's Champions League e alla UEFA Youth League.

L'importo netto, una volta dedotti i costi e i pagamenti di solidarietà, viene diviso tra i club partecipanti (93,5%) e la UEFA (6,5%). Dei 3,317 miliardi di euro destinati ai club partecipanti, 2,467 miliardi di euro (74,38%) saranno distribuiti ai club che partecipano alla UEFA Champions League (e alla Supercoppa UEFA), 565 milioni di euro (17,02%) ai club che partecipano alla UEFA Europa League e 285 milioni di euro (8,60%) ai club della UEFA Conference League.

La distribuzione di questi importi avverrà attraverso tre pilastri: una parte garantita a tutti (quote paritarie), una parte in relazione alle prestazioni e una in base al valore. Le quote paritarie (27,5%) e la percentuale relativa alle prestazioni (37,5%) sono aumentate rispettivamente del 2,5% e del 7,5%, mentre il terzo pilastro relativo al valore sarà ridotto al 35%, ossia il 10% in meno rispetto alle quote aggregate del market pool e del coefficiente nel ciclo attuale. Spiegazioni dettagliate e importi specifici saranno comunicati attraverso una circolare nei prossimi giorni.