Faragò dice basta, lascia il calcio a soli 30 anni: «E ora, cosa mi resta?»

25.01.2024 21:45 di Maria Lopez   vedi letture
Faragò dice basta, lascia il calcio a soli 30 anni: «E ora, cosa mi resta?»

Paolo Faragò, calciatore classe '93, ha ufficialmente annunciato il suo ritiro dal calcio giocato a soli 30 anni, dopo aver indossato le maglie di club prestigiosi come Novara, Cagliari, Bologna, Lecce e, più recentemente, il Como. La sua decisione di abbandonare il campo è stata dettata dai problemi all'anca che, negli ultimi anni, lo hanno sottoposto a numerose operazioni, culminando persino con l'applicazione di una protesi.

Il giocatore, attraverso un lungo post pubblicato sul suo profilo Instagram, ha condiviso con i suoi fan la difficile decisione di porre fine alla sua carriera calcistica. Il problema all'anca ha rappresentato una sfida costante per Faragò, il quale ha affrontato con determinazione molteplici interventi chirurgici nella speranza di superare le difficoltà fisiche che lo hanno afflitto.

"E ora, cosa mi resta?
Forse è questo il senso di vuoto più grande, l’idea di accantonare in un attimo ciò che mi ha fatto compagnia ogni giorno per 30 anni.
Realizzare che non sentirò più l’abbraccio dei miei compagni, l’urlo di uno stadio pieno, il rumore dei tacchetti nel tunnel prima di entrare in campo, la rabbia per una sconfitta immeritata e la gioia per una vittoria all’ultimo secondo.
Questa è stata la mia linfa, mi ha nutrito e mi ha fatto affrontare periodi esaltanti e momenti bui, mi ha fatto combattere con infortuni e problemi fisici, mi ha dato sempre la certezza che una strada alternativa si potesse percorrere.
Negli ultimi 4 anni, poco alla volta, il mio avversario non aveva più una maglia diversa, ma era diventato il mio corpo.
Ho fatto di tutto per combatterlo, ma niente, ha vinto lui.
Decine di visite, infiltrazioni, interventi chirurgici, ma purtroppo mi ha costretto a desistere.
Avrei voluto giocare un po’ di più, a 30 anni mi sarei aspettato di essere nel pieno della mia carriera, è vero, ma come faccio ad essere triste se penso a quanta meraviglia ho vissuto in questi anni?
Grazie a chi ho incontrato in questo viaggio, a chi mi ha accompagnato per un giorno o per tanti anni.
Non so se sia stata l’esperienza più bella della mia vita, ma so di aver realizzato il sogno di quel bambino che non desiderava altro se non tirare calci ad un pallone.
È questo ció che mi resta.

Ora mi aspetta una nuova sfida, con lo stesso entusiasmo e la stessa passione, ma in un nuovo campo, consapevole che finalmente mi sarà concesso zappare tutte le volte che vorrò".