Torneo delle Regioni - Semifinali: Sei regioni per quattro trofei. Due Rappresentative per Campania, Lombardia e Piemonte VdA

28.03.2024 20:52 di Michele Caffarelli   vedi letture
Torneo delle Regioni - Semifinali: Sei regioni per quattro trofei. Due Rappresentative per Campania, Lombardia e Piemonte VdA

Dopo cinque giorni di sfide, 138 partite e 347 gol il Torneo delle Regioni, la competizione che coinvolge le Rappresentative regionali giovanili della Lega Nazionale Dilettanti, è arrivato all’epilogo. Con la disputa delle semifinali si è celebrato in Liguria il penultimo atto della 60^ edizione del #tdr2024. Alle otto squadre finaliste nelle quattro categorie (Under 19, U17, U15, femminile) non resta altro che compiere l’ultimo sforzo per tentare l’assalto decisivo al tricolore della più iconica manifestazione giovanile del calcio di base. Il canovaccio delle semifinali ha ricalcato l’andamento di tutto il torneo, partite giocate sul filo dell’equilibrio, tanta qualità, intensità e vivacità per celebrare al meglio anche Genova come capitale dello sport 2024.  

Sono sei le Regioni ancora in corsa nel torneo coinvolte nelle otto finali. Campania, Lombardia, Piemonte VdA saranno presenti con due Rappresentative. Calabria si gioca il titolo Under 19, l’Emilia Romagna quello femminile. Tutte e quattro le finali si giocheranno domani venerdì 29 Marzo nell’avveniristica cornice dello “Sciorba Stadium” di Genova. Le gare saranno trasmesse in diretta sul canale youtube ufficiale della Lega Nazionale Dilettanti e sul sito web repubblica.it alle 9.30, 11.30, 14.15 e 16.45.  Dopo il fischio finale dell’ultimo atto il TDR continuerà a far parlare di sé grazie ad un format di 13’ che sarà trasmesso su Skysport in venti repliche.
La finale che aprirà la giornata di domani alle 9.30 sarà quella dell’Under 15 tra Piemonte VdA e Campania che hanno dominato le semifinali. Entrambe le Rappresentative hanno dovuto pazientare diversi anni per tornare a giocarsi lo Scudetto dei più giovani.
Alle 11.30 Lombardia-Campania si giocano il titolo Under 17. Entrambe le Rappresentative sono riuscite ad avere la meglio su Veneto e Piemonte VdA all’ultima curva del percorso. I campani fanno uno step in più dopo le semifinali del 2023, i lombardi provano a riprendersi quel titolo che inseguono dal 2015.  
Alle 14.15 spazio alle Rappresentative femminili di Emilia Romagna e Lombardia. E’ la stessa finale del 2023 che sorrise alle lombarde. Le ragazze di Maurizio Geri negli ultimi due anni hanno compiuto passi da gigante. Quelle di Cattaneo hanno dominato l’ultimo decennio.
Alle 16.45 chiude la manifestazione la categoria Under 19 con una finale che si porta dietro tante emozioni, Piemonte VdA-Calabria. I ragazzi di mister Umberto Scorrano stanno riscrivendo la storia con la conquista di un traguardo che mancava dal 1979, il titolo dal 1978. Anche i piemontesi hanno dovuto aspettare qualche anno (sedici) per tornare sul palcoscenico. Comunque vada, sarà un epilogo da batticuore.

PROGRAMMA FINALI
28 Marzo – “Sciorba Stadium” di Genova

Under 19 (ore 16.45)

Piemonte VdA-Calabria

Femminile (ore 14.15)

Emilia Romagna- Lombardia

Under 17 (ore 11.30)
Lombardia-Campania

Under 15 (ore 9.30)

Piemonte VdA-Campania

RISULTATI SEMIFINALI

UNDER 19

Piemonte VdA-Marche 5-3 dtr (1-1)
Calabria-Emilia Romagna 5-3 dtr (1-1)

FEMMINILE

Veneto-Emilia Romagna 1-2
Lombardia-Trento 5-0

UNDER 17

Veneto-Lombardia 1-2
Piemonte VdA-Campania 4-5 dtr (0-0)

UNDER 15

Abruzzo-Piemonte VdA 0-3
Veneto-Campania 1-3

I risultati, le classifiche, i marcatori e le notizie su torneodelleregioni.lnd.it

Le foto più belle e le clip dei gol sui social media della Lega Nazionale Dilettanti, Facebook, Instagram e Twitter.

Entriamo nelle pieghe del racconto delle semifinali.

UNDER 19
Le due finaliste si portano dietro un carico di emozioni che solo questa categoria sa regalare. Marche ed Emilia Romagna salutano il torneo a testa alta. Ai rigori esultano Piemonte VdA e Calabria per questione di centimetri. Inevitabile quando il livello della competizione è alto. Due risultati non banali: la Calabria l’ultimo atto l’ha giocato nel 1979, la Coppa l’ha alzata nel 1978. Il Piemonte non deve andare così dietro nella storia. Comunque sono 16 anni che la Rappresentativa piemontese non arrivava così lontano.
Due turni ad eliminazione diretta ed altrettante qualificazioni per la Calabria. Eroe del torneo il portiere calabrese Giovanni Mileto, decisivo ai Quarti con l’Abruzzo e in semifinale con l’Emilia Romagna che esce dal torneo a testa alta. E’ successo tutto ad inizio secondo tempo. In 2’ le squadre si sono scambiate due colpi rapidi con Billetta e Merighi. La gara poi è scivolata fino allo show finale di Mileto.
Anche il Piemonte ha lottato molto per arrivare fino all’ultimo atto. Dopo il successo di misura ai Quarti, in semifinale non sono bastati i tempi regolamenti con le Marche in grande spolvero. Nel giro di 7’ tra il 32’ ed il 39’ la partita ha sterzato in due direzioni per tornare poi sulla via dell’equilibrio. I ragazzi di Felice Russo sono andati in vantaggio con il primo gol nel torneo di Ferrari. Le Marche hanno risposto subito con Straccio. I rigori hanno sorriso al Piemonte, le Marche non possono rimproverarsi nulla.

FEMMINILE
Gli intrecci del destino sono imprevedibili come le coincidenze del calcio che riportano in finale Lombardia ed Emilia Romagna come un anno fa. Un ricorso suggestivo per una categoria bellissima.
La Lombardia per la sesta volta nelle ultime otto edizioni arriva fino in fondo alla competizione. Le ragazze di mister Luca Cattaneo hanno rifilato un chiaro 5-0 al Trento, arrivando a quota sedici gol segnati in cinque partite. Le lombarde se la vedranno con l’Emilia Romagna che ha superato il Veneto ripetendo l’impresa della scorsa edizione.
La Lombardia è subito scattata avanti con le reti di Bragagnolo e Gola. Nella ripresa Galdini ha centrato il tris, Serena Porro ha firmato una doppietta (tre gol al TDR). L’ennesima prova corale delle lombarde, otto marcatrici diverse nella competizione, non ha lasciato scampo al Trento.
Diversa ma non troppo l’altra semifinale. L’Emilia Romagna ha chiuso il primo tempo in vantaggio 2-0 grazie alla doppietta di Elisa Dal Brun, ancora una volta decisiva (4 sigilli al TDR). Il Veneto ha provato a riaprire il discorso qualificazione al 30’ con il terzo gol nella manifestazione di Matilde De Muri ma non è riuscita a completare la rimonta.

UNDER 17
Molto combattute le due semifinali decise da episodi.
Dopo cinque edizioni la Lombardia torna a giocarsi il titolo Under 17 escludendo la decana della disciplina, il Veneto che vanta undici Scudetti. La Campania fa un passo avanti importante dopo le semifinali della scorsa edizione.
I ragazzi di mister Daniele Tacchinin hanno tracciato un solco profondo nei primi 45’ conclusi con due lunghezze di vantaggio grazie alle reti di Gamba e Buzzetti. Quest’ultimo al terzo centro nel torneo. Il Veneto ha reagito troppo tardi accorciando le distanze al 40’st con il terzo gol nella competizione di Buttini.
Tra Piemonte VdA e Campania ha regnato un equilibrio pressoché totale sia nei 90’ che ai rigori. Bomber con le polveri bagnate. Nella serie dei penalty protagonisti i portieri. La squadra di mister di Valerio Gazzaneo ha sbagliato di meno rispetto agli avversari.

UNDER 15
Sarà una finale dai grandi ritorni con Piemonte VdA e Campania che si giocano lo scettro della categoria dopo aver atteso almeno due lustri.
Il Piemonte VdA torna in finale dopo quindici anni quando nel 2009 vinse il suo unico titolo U15. La Campania ha dovuto aspettare meno. L’ultima finale disputata risale al 2014.
La squadra del selezionatore Francesco Di Nuovo ha blindato il risultato già nel primo tempo con le reti di Sottile e Ferello che hanno scelto la gara giusta per segnare i loro primi gol al TDR. Maiolo (due centri fin qui) al 24’st ha stroncato definitivamente le speranze dell’Abruzzo.
Anche la Rappresentativa allenata da Raffaele Rispoli ha impresso un ritmo sostenuto nella prima metà della gara grazie alla doppietta di Giuseppe Lepre (tre sigilli al TDR) ed al centro di Pierfrancesco Severino. Sagrillo al 38’st ha segnato il gol della bandiera per il Veneto.