Armellini: "La Sangiustese sta investendo in scouting e monitoraggio"

19.09.2019 17:00 di Ermanno Marino   Vedi letture
Fonte: marta bitti
Armellini: "La Sangiustese sta investendo in scouting e monitoraggio"

I successi della Sangiustese passano anche dal sapiente lavoro del “gigante buono“ Andrea Armellini, che, con grande passione, sta riscoprendo una tradizione marchigiana nella scuola portieri.
Una scuola che, con Piero Persico, indimenticabile preparatore degli estremi difensori della Samb (Tacconi, Zenga, Ferron, Chimenti e Bonaiuti tra i più famosi) ha avuto la sua massima espressione.

“La Sangiustese – ha dichiarato Armellini, portiere professionista classe 1970, ex, tra le altre, di Cesena, Avellino, Castel di Sangro, Juve Stabia, Tolentino e Giulianova – sta investendo molto sull’attività di scouting e monitoraggio dei profili più interessanti del territorio. Quest’anno, oltre all’inossidabile Chiodini, mi sono stati messi a disposizione dei ragazzi molto interessanti, abbassando l’età per permettere così un lavoro di formazione e costruzione paziente che darà i frutti in futuro”. Nella Juniores Nazionale guidata da mister Zazzetta sono infatti approdati il classe 2002 Alessandro Finori e il classe 2004 Alessio Piergiacomi, entrambi dotati di talento e potenziale, mentre era già in rossoblu il classe 2002 Lorenzo Raccio.

“La varietà nei profili da allenare – ha concluso Armellini – crea qualche stimolante difficoltà, vista anche la differenza di età e di esperienza tra loro. Stiamo comunque lavorando con cura e attenzione, cercando di mettere tutti nelle condizioni migliori per svolgere il loro compito in campo. Il bilancio fino a ora è positivo, perché sia nelle amichevoli che nelle gare ufficiali le cose sono venute bene e si stanno evidenziando significativi miglioramenti. Per ora sono assolutamente soddisfatto di come stanno procedendo le cose”.