Campodarsego, Andreucci: "La giocata del singolo può determinare la sfida con l'Arzignano"

09.11.2018 14:30 di Anna Laura Giannini  articolo letto 167 volte
Campodarsego, Andreucci: "La giocata del singolo può determinare la sfida con l'Arzignano"

Dopo aver ottenuto, domenica scorsa, la prima vittoria sula panchina biancorossa. Domani mister Andreucci va alla caccia, con il suo Campodarsego, del risultato in una partita di cartello.

Alle 14.30, si gioca Arzignano Valchiampo-Campodarsego, anticipata a sabato visto l’impegno infrasettimanale del girone C la prossima settimana, che mercoledì vedrà andare in scena al “Gabbiano” la sfida con il St. Georgen. Queste le dichiarazioni del tecnico biancorosso alla vigilia della supersfida.

Sul risultato di domenica scorsa: “Le vittorie ti fanno lavorare meglio, è normale. Domenica siamo stati concreti, compatti, e siamo venuti a capo di una gara non facile, contro una Clodiense che come mi aspettavo ha cercato di metterci in difficoltà, una squadra per nulla rinunciataria, che alla lunga sono certo verrà fuori. Averla battuta in casa è senz’altro un buon segnale”.
Sulla gara di domani: “L’Arzignano è una squadra di ottimo valore, che ha dimostrato di avere un impianto di gioco importante e collaudato. Sono una squadra che ha mantenuto un’ossatura importante già dalla scorsa stagione, che si sta ripetendo con giocatori importanti in tutti i reparti,. In difesa, forse il reparto in cui hanno cambiato di più, hanno raggiunto già una buona solidità. Dovremo prepararci a questo incontro con grande attenzione e compattezza, quella che ci ha contraddistinto nelle ultime due gare”.
Sul prossimo mese: “Abbiamo tanti impegni, due infrasettimanali compreso il recupero col Levico, ma pensiamo una gara alla volta, siamo pur sempre all’inizio della stagione e le forze ci sono. Stiamo anche recuperando dei giocatori come Santinon e Colman Castro, che ci danno qualche soluzione in più. Cercheremo di raccogliere il massimo”.

Sull’atteggiamento: “Domani sarà una gara tutta da giocare, non c’è molto da raccomandare alla squadra. Dobbiamo provare a proporci, su ogni campo dobbiamo provare a vincere le partite, è questo il nostro spirito. L’Arzignano si schiera con un modulo diverso rispetto alle avversarie che abbiamo incontrato finora, quindi la priorità tattica è trovare soluzioni diverse, è su questo che stiamo lavorando principalmente”.

Sulla classifica: “Ogni gara è tutta da giocare, ogni squadra, anche di testa, deve faticare per conquistarsi i tre punti. Giusto così, siamo in un girone equilibrato e che ogni domenica ci riserva alcune sorprese. Ci vorrà un po’ di tempo per capire i valori effettivi del campionato, ma dobbiamo anche ricordarci che ci sono squadre che finora hanno raccolto poco, come Belluno e Trento, ma che potrebbero a breve trovare una loro maggiore dimensione e avere un periodo positivo. Sono certo che se ne vedranno delle belle”.

Sui dettagli: “In una gara come Arzignano-Campodarsego, tra due squadre qualitativamente importanti, può fare la differenza l’episodio, la giocata creata dai singoli. Gli allenatori possono mettere in condizione i giocatori di fare un certo tipo di gioco, ma la giocata del singolo può determinare il risultato a favore di una o dell’altra squadra. Entrambe abbiamo armi importanti, sarà una partita tutta da vedere”.