Paternò, Mazzamuto: «Sono partite indegne. Il bicchiere è vuoto»

17.05.2021 09:30 di Anna Laura Giannini   Vedi letture
Paternò, Mazzamuto: «Sono partite indegne. Il bicchiere è vuoto»

Il Paternò da ieri sera è in silenzio stampa. Il pari interno contro il Marina di Ragusa non è stato digerito dal presidente Ivan Mazzamuto che è intervenuto in conferenza stampa non nascondendo affatto l'amarezza per il risultato ottenuto dalla sua squadra.

Queste le parole del presidente:  «Già dal quarto o quinto minuto del primo tempo ho capito che non era giornata. Vedevo i ragazzi sotto tono, vedevo i giocatori del Marina di Ragausa andare al doppio della nostra velocità, tutte le seconde palle erano loro, arrivano prima sul pallone. Avevano più voglia e grinta, più fame insomma. Quindi ho capito subito che sarebbe stata una partita complicata. Poi loro sono stati ingenui perché sono rimasti in dieci per proteste e quindi un po' lì la partita è cambiata ma non tanto. Nel secondo tempo siamo entrati con un piglio diverso, siamo riusciti ad andare in vantaggio pur palesando le difficoltà di giornata e poi è successo quello che abbiamo visto tutti, cioè l'incredibile. Siamo andati in vantaggio su rigore, doppia inferiorità del Marina di Ragausa, tantissimi gol sbagliati sotto porta ma quello che mi fa più arrabbiare è che in quattro, cinque azioni dove eravamo in superiorità numerica, anziché affondare tornavamo in difesa senza motivo. Quindi devo dire che il Marina di Ragusa ha meritato questo pareggio e dirò di più, se fossimo rimasti undici contro undici avrebbero meritato la vittoria perché erano superiori a noi. Sono arrabbiato perché ogni volta che facciamo una buona prestazione fuori e poi dobbiamo affrontare in casa una partita che sulla carta è alla nostra portata, cadiamo sempre negli stessi errori: non giochiamo. Evidentemente ci sono dei cali di tensione assolutamente ingiustificati. Anche se avessimo vinto il bicchiere per me sarebbe vuoto. Sono terribilmente deluso da tutti. Per primo io perché sono il presidente, fino al raccattapalle perché sono partite indegne queste. Non sono gare che si possono affrontare così, non sono gare che qui a Paternò si possono vedere».