Pavia da trasferta, solo il Modena fa più punti fuori casa

08.11.2018 10:00 di Anna Laura Giannini  articolo letto 118 volte
Fonte: la provincia pavese
Pavia da trasferta, solo il Modena fa più punti fuori casa

È un Pavia da trasferta quello che Pato D’Amico ha proposto in queste prime otto giornate di campionato. In quattro delle gare disputate lontano dal Fortunati gli azzurri hanno vinto tre volte, mentre sono usciti sconfitti solamente dal Voltini di Crema (3-2).

Statistiche che a quasi metà del girone d’andata lasciano, per ora, il tempo che trovano, ma che possono essere interpretate sul piano del gioco offerto dal Pavia. Formazione che sulle ripartenze è sicuramente brava a far male e a concretizzare quando crea. Meglio degli azzurri fuori casa ha fatto solo il Modena, unica formazione a oggi non aver mai perso in campionato. La capolista in quattro trasferte ha vinto tre volte e pareggiato solamente a Mezzolara conquistando 10 punti dei suoi 22 lontano dal Braglia.

Il Pavia, come il Fanfulla, ha vinto tre gare e ne ha persa solo una, quindi 9 punti dei suoi 15 attuali che lo proiettano al terzo posto provvisorio del girone D. Mister D’Amico, in questi mesi di lavoro, ha trasmesso ai suoi una ben precisa mentalità: essere sempre propositivi, giocare a viso aperto. Un Pavia che anche a Fiorenzuola l’ha fatto per i secondi 45’ con l’uomo in meno tanto da portare a casa una vittoria meritatissima. Sarà il campo a dimostrare come questo cammino continuerà lontano da casa a partire dalla trasferta bolognese di domenica prossima a Sasso Marconi, reduce da tre vittorie consecutive (2-0 a Mazzano con il Ciliverghe) in casa con il Classe (2-0) e il colpaccio al Voltini nell’ultimo turno per 3-0 con il Crema.

Agli amanti delle statistiche non è passato inosservato anche il fatto che gli azzurri sono anche l’unica squadra a non aver pareggiato delle 18 del girone D. Azzurri da quasi due reti a partita (14 in 8 gare giocate), ma che sicuramente devono migliorare nel subire meno gol dagli avversari, ben 12. Lavori in corso al Fortunati per far crescere il Pavia “linea verde”. Viste le assenze di De Toni (per squalifica e oggi capiremo se il portiere se la caverà con un solo o più turni dopo l’espulsione per proteste a Fiorenzuola) e Balla a Sasso Marconi tranne il portiere Mattia Ugazio al posto del capitano a difendere i pali non ci dovrebbero essere novità. Da capire poi se, invece, D’Amico con tre gare in 8 giorni (tra Sasso Marconi l’11 novembre e Adro il 18, con in mezzo il turno casalingo serale di mercoledì 14 al Fortunati alle ore 20.30) sceglierà magari di gestire le forze con qualche piccolo turn-over.