Corigliano, la parola d'ordine è riscatto

Eccellenza Calabria
01.03.2019 23:00 di Nicolas Lopez   Vedi letture
Corigliano, la parola d'ordine è riscatto

Dopo l’intermezzo di coppa e il 2 a 2 contro il Canicattì, nell’andata degli ottavi nazionali, il Corigliano si rituffa nel campionato. In attesa del recupero contro il Sersale, fissato per mercoledì 13 marzo, c’è da affrontare il Trebisacce. Nella ventiquattresima d’Eccellenza, domenica dalle ore 15, la squadra di mister De Feo, dopo i mezzi risultati dell’ultimo periodo, è chiamata al bottino pieno. M. Foderaro e soci, dopo aver smaltito le tossine dell’impegno infrasettimanale, appaiono decisi per l’atteso rilancio. Imperativo vincere contro i giallorossi per preservare la prima piazza e il vantaggio di più quattro sulla Reggiomed. . Investito per la direzione arbitrale Andrea Leone della sezione di Cosenza che sarà coadiuvato dai guardalinee Angelo Mazza di Reggio C. e Marco Panetta di Locri. Sulle tribune ad esortare la propria compagine, sportivi e tifosi con in testa gli ultras dello “Skizzati-Group”.  Vista la vicinanza con la città dell’alto Jonio, attesi anche supporter di fede giallorossa. Frattanto, cresce l’attesa per il return-match di coppa in Sicilia, di mercoledì 6 marzo, per cui è stato predisposto anche un pullman.

Dopo la prima fase settimanale incentrata sull’impegno di coppa, il giovedì di riposo, ripresa delle fatiche per i coriglianesi al venerdì al “Santa Maria Ad Nives”. Lavoro dettato dalla tabella di mister De Feo sempre assistito dal vice Sarli, e dai preparatori: dei portieri Piazza e atletico Pincente. Team sempre assistito dal fisioterapista Ricchio e il massaggiatore Caparelli. Al sabato mattina, invece, rifinitura pre-gara presso lo stadio. Tutti a disposizione tranne Gullo, fermo per squalifica. Non sono escluse metamorfosi nell’undici che dal primo minuto scenderà in campo. Per i coriglianesi obbiettivo recuperare smalto e compattezza evitando altri cali di tensione.