Foggia, Felleca: “Follieri non da escludere. Con la holding si va avanti anche senza C”

26.05.2020 23:04 di Jacopo Pellicciotta   Vedi letture
Foggia, Felleca: “Follieri non da escludere. Con la holding si va avanti anche senza C”

Roberto Felleca, patron del Foggia Calcio, ha rilasciato alcune dichiarazioni attraverso i canali social di gianlucadimarzio.com. Il Presidente risponde prima sulle vicende societarie in corso: “Follieri non da escludere come nome, chiunque voglia investire nel club lo ascoltiamo ma noi vogliamo le giuste garanzie e faremo i dovuti controlli. Potete stare tranquilli, ho sempre detto che finchè potevo sarei andato anche da solo, come vada vada. Stiamo parlando con una holding estera a prescindere dalla Serie C. Io sarò sempre a capo del progetto tecnico. Sono stanco di vedere il Foggia in D, è fantastico vedere come si vive il calcio qui, questa gente merita di più”.

Sulla programmazione della prossima stagione ecco cosa afferma il presidente del club pugliese: “Dieci-dodici membri della rosa di questa stagione riconfermati sicuramente, poi è chiaro che molto dipende da quale categoria disputeremo. Fumagalli per esempio confermato se ci dovesse essere la Serie C, come Gentile ed altri calciatori. Piscopo mi piace molto voterò per tenerlo, lui insieme a Campagna giocatori importanti. Kourfalidis? Ho già detto a Giulini che me lo deve lasciare, con la C anche lui può restare. Poi noi vedremo di arricchire la rosa con altri acquisti, in base alle opportunità che propongono il mercato, collaboriamo con varie società come il Cagliari già in Serie D. Con la promozione abbiamo ulteriori sbocchi, come la Juventus per esempio. Perciò dobbiamo fare le giuste valutazioni e vedere chi possiamo prendere, la cosa importante è che c’è tempo per programmare”.

Sulle questioni legate ai ripescaggi e sulla riforma dei campionati: “Mi sento sicuro sui ripescaggi perchè abbiamo le nostre buone motivazioni, inoltre confido sulla riforma già da quest’anno, l’intuito mi dice che qualcosa può cambiare da questo punto di vista”.

Conclude il presidente con un identikit del suo allenatore ideale per la prossima stagione: “Ideale un allenatore giovane, che abbia fame di mettersi in discussione, abbiamo tempo per scegliere qualcuno che sia ben delineato con il nostro progetto”.