Tritium, il ds Leo: «Dispiace per Nordi, momento difficile. Dovevamo interventire e Calvi...»

28.01.2021 13:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttotritiumgiana
Tritium, il ds Leo: «Dispiace per Nordi, momento difficile. Dovevamo interventire e Calvi...»

Gianluca Leo, direttore sportivo della Tritium, esprime le motivazioni della decisione dell'esonero di Omar Nordi e spiega il perché abbia scelto Mauro Calvi come nuovo allenatore, promosso dalla formazione Juniores biancoazzurra e con un passato da calciatore professionista proprio in serie C con la casacca abduana:

"Quella di mercoledì 27 gennaio 2021 è stata una giornata piena e difficile. Ci troviamo in un momento molto difficile, il percorso sportivo non è stato in linea con ciò che ci aspettavamo: dobbiamo difendere la categoria in un anno difficile per fare calcio, e in qualche modo bisognava intervenire. Ci dispiace per l'allontanamento di Nordi ma dovevamo trovare una soluzione per porre rimedio a quello che non ha funzionato. Non c'è nessun progetto fallito, quando non arrivano i risultati la società ha semplicemente il compito di intervenire. Non c'è tempo di aspettare, non volevamo questa classifica: ci dobbiamo rendere conto che la squadra è stata rifondata, siamo certi che la rosa al momento è sufficiente per raggiungere l'obiettivo salvezza; non dobbiamo assolutamente retrocedere. Nel bene o nel male ho sempre la responsabilità di quello che succede, quest'anno abbiamo deciso di optare su un nuovo progetto e le scelte ci vanno contro: ci sono degli errori ma avevo il dovere di  correggerli. Non voglio alibi, abbiamo fatto degli errori in buona fede e adesso dovremo provare a rialzarci per centrare il nostro obiettivo. La mia testa è proiettata a sistemare la situazione, con Nordi c'è stato un rapporto umano piuttosto profondo e questo ribaltone fa davvero male. Perché Mauro Calvi? È un ragazzo e un mister a cui sono molto legato . È stato un mio giocatore e capitano con il quale  ho vinto un campionato di promozione alla Trevigliese con una squadra non certo favorita. L’ho portato in Tritium l'anno scorso dandogli l’incarico di allenatore della juniores nazionale ottenendo risultanti importanti da subito. Sono convinto che possa aiutarci ad uscire dalle sabbie mobili soprattutto perché ha la Tritium tatuata sul corpo: ricordo che è stato protagonista indiscusso della famosa salvezza a Portogruaro in serie C da calciatore prima del fallimento. Sono certo che si saprà calare velocemente nella realtà in cui stiamo vivendo. Ne approfitto per ringraziare mister Nordi per la dedizione e l'attaccamento mostrato nei confronti della Tritium, davvero una grande persona, qualità difficile da trovare nel calcio".