Sora, il presidente Palma: "Cristallizzare le classifiche non è giuridicamente contemplato nell'attuale regolamento"

Eccellenza Lazio
13.05.2020 23:30 di Redazione NotiziarioCalcio.com   Vedi letture
Fonte: Beniamino Cobellis - tg24.info
Sora, il presidente Palma: "Cristallizzare le classifiche non è giuridicamente contemplato nell'attuale regolamento"

In attesa che gli organi competenti decidano su come portare a termine il campionato di Eccellenza, come anche tutte le serie dilettantistiche, gli addetti ai lavori dicono la loro, a cominciare dal Presidente del Sora Calcio 1907, l'avvocato Giovanni Palma, che vorrebbe riprendere da dove si era interrotta la corsa della squadra bianconera, in piena rimonta ed imbattuta nel girone di ritorno , in cui aveva conquistato più punti di tutti grazie ad un'ottima campagna acquisti e al lavoro del mister Alessio Ciardi e del suo staff tecnico.

Questo il Palma pensiero: "Essendoci 9 gare e ben 27 punti da assegnare, il Sora impugnerà la decisione di promuovere anche l'Insieme Ausonia, perché la valutazione di poter cristallizzare le classifiche non è giuridicamente contemplata nell'attuale regolamento. Nessuna nuova norma può generare effetti retroattivi sulle classifiche di quest' anno, quindi il Sora è pronto a riprendere il campionato da dove si è interrotto, a luglio ad agosto, a settembre o quando comunque ci saranno le condizioni di sicurezza per ripartire, in quanto nessun medico sociale si assumerebbe la responsabilità della sorveglianza sanitaria perché non c'è la certezza assoluta né dei tamponi, né dei test sierologici, che non hanno ancora una certezza assoluta. I responsabili sanitari, quindi, darebbero l'ok ad un giocatore sulla base di test non attendibili al 100%. Assumersi delle responsabilità di questo tipo nell'azienda calcio, dove il contatto è inevitabile e consentito, richiede un grado di certezza assoluta, cosa che al momento non è assolutamente valutabile. Alla luce di ciò il blocco dei campionati è inevitabile. Il calcio è uno dei settori maggiormente colpito da questa crisi e lo stato deve tutelare i presidenti che sostengono il sistema. Il calcio è un bene sociale che non morirà mai perché appassiona milioni di persone. Ci vorrà tempo e pazienza, ma alla fine tutto tornerà alla normalità. Ovviamente sarebbe auspicabile ripartire con gli stadi aperti al pubblico. La componente del tifo, infatti, nel calcio è essenziale. Se si è costretti a giocare a porte chiuse, invece, si perde tutta la valenza del gioco, con la partita che sembra più un allenamento. E' il tifo a dare vita ad una partita e senza di esso giocare diventerebbe una rappresentazione burocratica, un adempiere ad un dovere d'ufficio e non è questo il senso del calcio. E' normale che qualsiasi decisione che verrà presa creerà dei malcontenti, la crisi legata all'epidemia ha rovinato la stagione, ma spero che vengano prese le giuste decisioni. Qualsiasi altra decisione che non contempli la promozione in serie D del Sora sarà dal sottoscritto osteggiata per tutelare gli enormi sforzi economici compiuti con cui stavano consolidando un risultato sportivo ampiamente meritato sul campo grazie ad un abbrivio indiscutibile.