Cjarlins Muzane, mister Princivalli: «Accontentarmi è una cosa che non mi si addice»

02.03.2024 16:45 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    vedi letture
Cjarlins Muzane, mister Princivalli: «Accontentarmi è una cosa che non mi si addice»

Archiviato il doppio turno casalingo in cui sono arrivate, per la prima volta in stagione, due vittorie consecutive, riparte dalla trasferta in casa dell’Este la corsa salvezza del Cjarlins Muzane, con la squadra di Nicola Princivalli in campo domani, alle 14.30, sul campo della compagine euganea.

Mister, cosa hanno lasciato le due vittorie consecutive?

«La consapevolezza che siamo una squadra che può vincere due partite di fila e può andare a fare risultato anche a Este».

Che squadra ti aspetti di trovare contro?

«Una squadra che ha perso una sola partita in casa, su un campo dove sono cadute anche le prime due della classe Union Clodiense e Treviso. L’Este gioca un buon calcio, con giocatori importanti soprattutto davanti: penso a De Vido, Cardellino e Moscatelli. Ha qualità e possibilità di segnare in qualsiasi momento, per cui sarà una gara complicata che noi andremo a giocarci a viso aperto perché abbiamo necessità assoluta di fare punti».

Domenica hai detto che la strada è quella buona: si può migliorare ancora?

«Noi siamo sempre alla ricerca del meglio. Accontentarmi è una cosa che non mi si addice per carattere, ma è impensabile farlo guardando la classifica, altrimenti saremmo nella stessa situazione di un mese fa. Noi dobbiamo continuare a fare punti, questo è l’unico obiettivo».

Cosa hai chiesto alla squadra in  settimana?

«Di continuare con questa mentalità, con la stessa voglia di sacrificio e abnegazione. Chi scende in campo deve essere pronto a sacrificarsi per il compagno, deve volere a tutti i costi togliersi da queste sabbie mobili in cui ci siamo infilati».

Al tuo arrivo sulla panchina del Cjarlins Muzane avresti firmato per ottenere sette punti in tre partite?

«No, ne volevo nove. Non posso essere del tutto soddisfatto, fa parte di me. Se mi sarà rifatta questa domanda quando avremo raggiunto l’obiettivo salvezza forse risponderò diversamente, ma in questo momento non ottenere il massimo dei punti non può di certo lasciarmi soddisfatto».