Prato, Bertolini: «Tavano mi ha stupito perché...»

29.11.2020 22:15 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: 0574tempodisport.it
Prato, Bertolini: «Tavano mi ha stupito perché...»

“Stiamo vivendo una situazione anomala che vale per tutti. Poi è arrivata la positività di un nostro compagno e siamo stati in quarantena, fortunatamente non ci sono altri casi e ora abbiamo ripreso con tanta voglia di tornare a giocare perchè ci manca tantissimo la partita domenicale”. A parlare della situazione in casa Prato è il giovane attaccante classe 2001 Davide Bertolini, pisano, e una lunga trafila nel settore giovanile dell’Empoli, dove è approdato da piccolo, arrivando alla Primavera.


” Il calcio è sempre stato la mia passione fin da piccolino dove mi piaceva più il pallone dei cartoni animati – racconta Bertolini – ho iniziato nella squadra del mio paese, poi sono passato all’Empoli quando avevo 9 anni e in totale sono stato undici anni, dalla scuola calcio alla Primavera”.
Per te questo è il primo campionato con i “grandi” quasi professionistico. Come ti trovi nel Prato?
” Mi sto trovando molto bene e quando mi è stato proposto il Prato non ci ho pensato due volte – prosegue Bertolini – mi hanno accolto molto bene e siamo un bel gruppo. E’ un calcio diverso da quello delle giovanili ma mi ci sto abituando”.


In attacco hai dei compagni di grande esperienza con un passato illustre come Tavano, Cellini, Ortolini e Melandri. Come ti stai trovando?
” Sinceramente all’inizio avevo un pò di timore – ammette Bertolini – quando ero nelle giovanili Ciccio Tavano era il bomber dell’Empoli ed era un giocatore che mi piaceva molto, alle partite al Castellani in serie A o B facevo il raccattapalle. Ora averlo come compagno di squadra è una grande emozione. Mi ha stupito perchè è una persona eccezionale e sempre disponibile a dare consigli a noi ragazzi più giovani, come del resto anche gli altri compagni che hanno tanta esperienza e per un giovane è importante seguire i loro consigli”.


Come ti trovi nel 4-3-3 di Esposito e qual’è il ruolo che prediligi?
“Prediligo giocare sulla destra che è il ruolo che sto facendo e la mia dote migliore e la velocità – prosegue il giovane attaccante – mister Esposito è un tecnico preparato ed esperto, è esigente ma ho un buon rapporto e cerco di fare quello che lui vuole da me”.


Quali sono i tuoi obbiettivi?
“Innanzitutto l’obbiettivo principale è quello di riportare il Prato in serie C che la società e la piazza meritano – continua Bertolini – poi a livello personale non mi sono posto particolari obbiettivi, anche per quanto riguarda i gol, perchè tutto deve essere finalizzato per la squadra per vincere questo campionato”.


Sei reduce da un infortunio alla caviglia ma ora sei pronto per tornare in campo?
“Durante questo periodo dove non abbiamo giocato ho subito una brutta distorsione alla caviglia – conclude Bertolini – ho fatto lavoro differenziato e ora sono pronto a tornare in gruppo. Speriamo di tornare in campo domenica prossima in casa con il Lentigione per riprendere il cammino interrotto dopo quattro giornate. Il bilancio da un punto di vista dei risultati è buono, siamo la difesa meno battuta, mentre sul piano del gioco dobbiamo ancora migliorare, ma siamo sulla buona strada”.