Team Napoli Soccer "L. Santagata", il bilancio dello stage con le prime operazioni concluse

17.08.2020 15:15 di Stefano Sica   Vedi letture
Team Napoli Soccer "L. Santagata", il bilancio dello stage con le prime operazioni concluse

Un mese di lavoro inoltrato, una struttura (il Green Sport di Agnano, l'ex, storico, Scarfoglio) all'avanguardia, oggetto solo pochi mesi fa di restyling con l'installazione di un manto sintetico nuovo di zecca. Oltre un centinaio di ragazzi che hanno preso parte a questa ennesima, appassionante avventura, facendo comunità e condividendo sogni, speranze e un percorso umano inedito. Si sono chiuse due settimane fa le attività del Team Napoli Soccer, stage estivo per calciatori under giunto alla sua settima edizione. Rinnovata la collaborazione tra il Responsabile tecnico-organizzativo, Italo Farinella, e Pierino Scamarcia (proprietario dell'impianto nel quale si è svolto il raduno con le relative partitelle in famiglia), un partner di lusso che ha deciso di legare il proprio nome all'edizione 2020 del Team, è il complesso Il Gabbiano diretto dai fratelli Laringe. Una eccellenza del territorio flegreo nel campo ricettivo e gastronomico. Tantissimi gli addetti ai lavori, anche di club professionistici come l'Avellino, che si sono avvicendati per monitorare da vicino piccoli talenti e ragazzi di belle speranze con tanti margini di miglioramento. E poi la dedica speciale - fortemente voluta da Farinella - a Lello Santagata, uno dei virgulti migliori della famiglia Team Napoli Soccer, venuto a mancare lo scorso 30 dicembre a soli 18 anni. L'intitolazione del raduno alla sua memoria, condiviso appieno da mamma Pina e papà Enzo, è stato il riconoscimento automatico ed indifferibile ad un figlio di questo progetto sportivo: è dal Team che Santagata aveva spiccato il volo nel 2017 per accasarsi alla Sangiustese, primo battito d'ali di una traversata che lo avrebbe portato la scorsa estate al Casarano, col Parma già pronto a fargli sottoscrivere un contratto strappandolo alla concorrenza di altri club di A e B.     

Anche quest'estate, l'obiettivo voluto da Farinella e dal suo braccio destro, il DT Fabio Manetta, è stato raggiunto: offrire una vetrina e una nuova opportunità autopromozionale a tanti calciatori in erba (dai '99 ai 2004), alcuni dei quali sfornati da scuole calcio partenopee di assoluto prestigio come l'Arci Scampia di Antonio Piccolo o l'Alma Verde di Gianni Pirone. Un working in progress indirizzato verso una duplice finalità: permettere intanto loro - con un programma atletico mirato e funzionale, secondo le metodologie del Prof. Gaetano Toto, neo preparatore del Giugliano - di rimettersi in moto dopo il lungo periodo di inattività dovuto all'emergenza Covid-19. E poi di cimentarsi in test veri e propri che gli consentissero di sognare il debutto con una prima squadra o, in seconda istanza, con un settore giovanile di una società professionistica o di D. In questo senso, è stato prezioso il lavoro del tecnico Vincenzo Varriale (oggi al comando dell'U17 della Vis Pesaro) e del giovane trainer dei portieri, Orazio De Rosa. Entrambi abili nel favorire questo processo di crescita - tecnica ma soprattutto psicologica e comportamentale - dei ragazzi a loro disposizione. 

Proprio in questi ultimi giorni, secondo quanto appreso dalla nostra redazione, sono state definite alcune operazioni di mercato per i ragazzi del duo Farinella-Manetta. L'Afragolese, per esempio, ha prelevato due atleti del 2003: il centrale difensivo Raffaele Trambarulo e l'attaccante Gennaro Orientale, entrambi in arrivo dall'Arci Scampia. Il Mondragone, invece, formalizzerà a breve gli ingaggi di due elementi classe 2002 dell'Alma Verde: l'esterno offensivo Ciro Tedesco e l'attaccante Davide Di GiorgioOscar Guarino, difensore centrale classe 2001, sale a Rimini dopo una stagione al Cattolica, mentre il terzino destro classe 2001, Luca Di Benedetto, è attualmente aggregato alla Frattese. Lo scorso anno ha militato col Casoria. Si attendono novità su alcuni giovani che si sono messi in luce durante il raduno, tra cui l'esterno offensivo classe 2001 Salvatore Basile (è stato molto vicino alla stessa Frattese) o gli attaccanti Flavio Scorza (un 2003 del Monteruscello per il quale ci sono tanti proseliti in D) e Gennaro Sica (2002 del Rione Terra, di recente in prova col Casarano, anche lui molto seguito in D). Il numero uno classe 2002 Gioacchino Maione, come noto, si svincolerà dal Napoli per andare al Gladiator.