Desenzano Calvina, il complicato conteggio della griglia playoff...

11.06.2021 11:00 di Maria Lopez   Vedi letture
Desenzano Calvina, il complicato conteggio della griglia playoff...

Ultima e decisiva giornata per la griglia playoff quella che si disputerà domenica 13 Giugno. Nel Giorne B, a contendersi due posti (Fanfulla già matematicamente seconda) sono il lizza tre squadre (Desenzano Calvina, Crema e Nibionnoggiono), più la Casatese che ha sì già staccato il biglietto per la post season, ma deve guardarsi alle spalle per non peggiorare la sua già ottimale posizione sul tabellone.

Con il Seregno già fuori dai giochi con la matematica conquista della Serie C e il Fanfulla già saldo al secondo posto, restano da seguire Casatese (54 punti) Desenzano Calvina, Crema e Nibionnoggiono tutte e tre a 52 in classifica.
Il Desenzano Calvina, che affronta nello scontro diretto il Nibionnoggiono, ha a disposizione due risultati utili su tre. Una vittoria potrebbe lanciarla addirittura verso il terzo posto e giocarsi la prima playoff in casa, ma occorrerà vedere il risultato della Casatese. Se così sarà, un pari dei lecchesi con conseguente arrivo a pari punti, relegherebbe i gardesani al 4° posto per la classifica avulsa negli scontri diretti, a condizione che il Crema non vinca.

In caso di pareggio della squadra di mister Florindo, il Desenzano si qualificherebbe a danno del Nibionnoggiono per la classifica avulsa nei confronti diretti, il risultato del Crema, che anche se dovesse soltanto pareggiare contro il Sona, si qualificherebbe per il vantaggio negli scontri diretti con lo stesso Nibionnoggiono, ma il suo risultato determinerebbe la classifica finale del campionato e di conseguenza l’avversario del Desenzano Calvina.

In caso di sconfitta del Desenzano Calvina, non disperiamoci, potrebbe uscire dal cilindro una clamorosa qualificazione a danno del Crema che, se sconfitto dal Sona, per la classifica avulsa verrebbe estromesso dalla coda playoff.

Il regolamento prevede che vi partecipino le società classificate al 2°, 3°, 4° e 5° posto nei rispettivi gironi al termine del campionato.

In ognuno dei gironi, la seconda classificata affronta in casa la quinta mentre la terza si scontra tra le mura amiche con la quarta, in partita unica; gioca in casa quindi la squadra meglio piazzata al termine della stagione regolamentare.

In caso di parità al termine dei minuti regolamentari, si procederà con la disputa dei tempi supplementari e, qualora dovesse permanere la parità, sarà la società meglio classificata in campionato a passare il turno.

In caso di parità fra due o più squadre, si terrà conto, in ordine, dei punti conseguiti negli scontri diretti fra tutte le squadre, della differenza tra reti segnate e subite nei medesimi incontri, della differenza tra reti segnate e subite in campionato, del maggior numero di reti segnate nella stagione regolare e della miglior posizione nella classifica della Coppa Disciplina; in ultima istanza, si procede con il sorteggio.

Le vincenti della prima fase accedono alla finale, che verrà disputata il 20 giugno, anche in questo caso in partita unica in casa della società che, al termine del campionato, occupa la miglior posizione di classifica.

In caso di parità al termine dei tempi regolamentari, si procederà con i supplementari e, in caso di ulteriore parità, verrà decretata vittoriosa la squadra meglio classificata in campionato.