Alma Juventus Fano, Carpani: «Ce la giochiamo con tutti se...»

05.02.2020 06:30 di Francesco Vigliotti   Vedi letture
Alma Juventus Fano, Carpani: «Ce la giochiamo con tutti se...»

La ridotta visibilità dovuta al bancone di nebbia che si è abbattuto al Mapei Stadium non ha ottenebrato la buona prestazione dei granata che, sul gong, avevano trovato anche la rete dell’accorcio con capitan Carpani. Una prova maiuscola, quella del centrocampista ascolano, che impersona la caparbietà della compagine fanese, che ha gettato il cuore oltre l’ostacolo, sebbene il risultato non risparmiasse un destino già deciso.

“Siamo partiti abbastanza bene – le parole del capitano – , poi come ultimamente accade in questo girone di ritorno, abbiamo subito la prima rete su calcio piazzato, fattore che nelle gare precedenti non avveniva. Un aspetto, quindi, da prendere in considerazione, valutando le lacune dalle quali ripartire, lavorare e migliorare affinchè certe situazioni non si palesino più. Da quel momento in poi ho visto una squadra che ha tirato fuori il carattere ed ha reagito, non si è abbattuta nel secondo tempo. Frazione di gioco nella quale c’è stato l’episodio del rigore alquanto discutibile. Rivedendo le immagini e parlando con Marino, sotto sotto la lente d’ingrandimento per il presunto fallo da penalty, si percepisce chiaramente come sia l’avversario ad aver colpito il nostro giocatore e non il contrario. A testimonianza di ciò, Marino ha riportato anche una leggera lesione a livello tibiale. Per me il rigore non c’era, ma l’abbiamo incassato, abbiamo proseguito a testa alta e siamo andati alla ricerca del pari che purtroppo non è pervenuto, spesso sbilanciandoci e non concretizzando le occasioni. Sul finire dei tempi regolamentari è arrivata la mia rete che non è servita alla causa. Fossimo stati sull’1-0, senza rigore, ça va sans dire, sarebbe stata tutt’altra storia”.

Per il comandante fanese è la seconda rete in 4 gare: un chiaro segnale che documenta lo stato di forma di Carpani, sempre più leader di questa squadra: “A livello personale sono contento; lo si è sempre quando si insacca il cuoio nel sacco. Ma non posso esserlo a livello di gruppo: è la seconda sconfitta consecutiva all’indomani dei tre risultati utili consecutivi maturati a gennaio. E’ necessario rimboccarsi le maniche e mettersi subito all’opera per mettere fieno in cascina già nel prossimo incontro con la FeralpiSalò. Più si va avanti più il campionato diventa duro e difficile”. 

Negli spogliatoi locali i ragazzi, insieme al tecnico Alessandrini, hanno analizzato a mente fredda il match a meno di 24h dal termine: “Se curiamo i dettagli e siamo più attenti ce la giochiamo con tutte. Lo abbiamo visto con la Reggio Audace: è una delle squadre più forti del campionato, ha creato tante occasioni ma, dal punto di vista del gioco, non ci ha messo in grande difficoltà. Non si è vista tutta questa divergenza di classifica. Ciò vuol dire che se prestiamo attenzione al lavoro quotidiano e lo riproduciamo il giorno della gara senza smarrire la concentrazione, possiamo portare a casa i risultati”. 

Intanto nell’anticipo di sabato un’altra big, dopo il Padova, farà scalo al Mancini, la FeralpiSalò del suo ex compagno di squadra allora all’Ascoli, Daniele Altobelli: “Daniele lo conosco molto bene, è un ottimo giocatore e ci darà del filo da torcere, così come tutta la compagine gardesana che, rispetto al match d’andata nella quale riuscimmo a far man bassa al Turina, è stata ampiamente rinnovata, a partire dall’allenatore fino agli ultimi arrivati della sessione di mercato invernale, con nomi altisonanti degni del vertice alto della classifica. Rispetto alla partita di settembre, dovremo aspettarci un incontro totalmente diverso e fare attenzione ad ogni minimo dettaglio. Sono certo che se adotteremo la giusta mentalità mettendo in campo tutte le nostre energie faremo bene e otterremo quei punti che per noi sono di vitale importanza”.