La Dolomiti Bellunesi contro l'imperforabile Bassano

03.02.2024 15:30 di Nicolas Lopez   vedi letture
La Dolomiti Bellunesi contro l'imperforabile Bassano

Se non è imperforabile, poco ci manca: basti pensare che ha incassato appena tre gol nelle ultime dodici partite disputate. Il riferimento è al Bassano: il prossimo avversario della Dolomiti Bellunesi. E una delle formazioni più quadrate, in forma e in fiducia del momento: domani (domenica 4 febbraio, ore 14.30), allo stadio "Rino Mercante", va in scena la seconda trasferta e seconda sfida diretta consecutiva per il gruppo di Nicola Zanini. Dopo il successo di misura sul Campodarsego, ora l'obiettivo è quello di respingere l'assalto al terzo posto. Perché i giallorossi, attualmente quarti, sono staccati di due lunghezze dai "blancos".

Insidie - Lontano dalle mura amiche, però, capitan Perez e compagni sono ancora imbattuti: «Dal punto di vista dell'approccio - spiega mister Zanini - interpretiamo tutte le gare allo stesso modo. E la sfida di Bassano non fa eccezione. Poi, lo sappiamo, ogni impegno nasconde delle insidie e, per questo, la preparazione al match varia a seconda dell'avversario, oltre che dei fattori esterni: a Campodarsego, per esempio, dovevamo tenere conto delle ridotte condizioni del campo».

Solidi e cinici - In una settimana caratterizzata dalla separazione consensuale con il direttore generale, Luca Piazzi, il tecnico intende focalizzarsi esclusivamente sul rettangolo verde: «Avremo di fronte una squadra solida, cinica e che subisce pochissimi gol. Una squadra che sta interpretando molto bene il campionato. A tale proposito, vanno sottolineati i meriti di un allenatore come Alessandro Pontarollo, bravissimo a dare subito un'identità forte a un collettivo con elementi di qualità, ma costruito da zero. Sarà una partita difficile, anche perché, di fatto, i giallorossi hanno la nostra stessa classifica, o quasi».

Formazione - Per quanto riguarda la formazione, Caprioni dovrà scontare il secondo dei quattro turni di squalifica, mentre Toniolo si ferma in via momentanea per eseguire degli approfondimenti: «Mi aspetto un confronto abbastanza tattico, nel quale si fronteggeranno due sistemi di gioco diversi - conclude Zanini -. Il Bassano potrà soffrire alcune situazioni che proporremo noi e viceversa. Servirà una particolare attenzione, in un momento dell'annata in cui è fondamentale non commettere errori. Gli stessi che, purtroppo, ci hanno penalizzato in alcune occasioni».

Designazione - Arbitrerà un fischietto di Lecce: Gabriele Sciolti, affiancato dagli assistenti Omar Bignucolo e Simone Polo Grillo di Pordenone. Nel match d'andata, la spuntarono i dolomitici per 1-0, grazie alla rete all'ultimo secondo di Francesco Toniolo.