Presentata a Tempio la 24esima edizione del Torneo mondiale Manlio Selis

14.12.2021 11:45 di Davide Guardabascio   vedi letture
Presentata a Tempio la 24esima edizione del Torneo mondiale Manlio Selis

Dopo un lungo stop dovuto alla pandemia torna a rotolare il pallone del Torneo Manlio Selis e lo fa con una straordinaria Christmas Edition in programma dal 27 al 30 dicembre sui campi di Tempio, Olbia, San Teodoro, Luras e Calangianus, sede della Finalissima. Come sempre la Regione Sardegna farà patrocinio all’evento che opera sotto l’egida di Coni e Figc.

Sarà un'edizione diversa che ci porterà a riassaporare la magia del Torneo mondiale Manlio Selis dopo un momento storico che non avremmo mai voluto vivere.

Sarà come sempre: sport, amicizia, divertimento e una vetrina straordinaria sulla nostra isola, bellissima anche in inverno, magica sotto le feste.

La manifestazione è stata presentata oggi nella bellissima location del Teatro del Carmine di Tempio, per la prima volta sede anche del quartier generale del Torneo e di un girone di qualificazione.

Alla Conferenza di presentazione, presentata dalla giornalista di Sky Valentina Caruso e trasmessa in diretta streaming sui canali del Torneo,  hanno partecipato iin teatro e in collegamento video, tantissimi ospiti del mondo dello sport nazionale e internazionale e nel corso della serata si sono svolte le consuete Premiazioni, tra cui il Premio alla carriera che è stato ritirato da Gianfranco Zola.

Dovrei essere io a premiare Enea per questa manifestazione - le parole di Zola - perchè eventi come questo danno la possibilità a tanti ragazzi di confrontarsi, misurarsi e sognare. Io non ho avuto la fortuna di poterlo fare alla loro età. Ho visto nel video che avete mostrato quanto calciatori della serie A ma anche del Chelsea, del Bayern, del West Ham sono passati da qui, da Mason Mount a Zaniolo, da Rice a Pellegrini. Tanti talenti che hanno in comune il Torneo Selis”. Sarò presente a questa edizione e la seguirò con grande piacere”-

Premiato anche come Giovane rivelazione dell’anno, il difensore del Cagliari Andrea Carboni, che ha ricordato la sua partecipazione al Selis: “E’ stata la prima volta in un palcoscenico internazionale così importante - ha ricordato Carboni in in un video”.   

Premiato e collegato con il Teatro anche il giornalista sportivo dell’anno Sandro Piccinini che ha promesso di essere presente alla prossima edizione per vivere da vicino la magia della manifestazione.

Tanta emozione per i premi dedicati a Paolo Tassu, dirigente sportivo che sin dalla sua prima edizione è stata colonna portante del Sellis, a Mario Ruzzu e al dott, Giuseppe Pinna, tutte figure che hanno fatto parte integrante della grande famiglia del SElis.

PREMIAZIONI

●        Premio "dott. Giuseppe Pinna" giornalista sportivo televisivo -  Sandro Piccinini

●        Premio "Mario Ruzzu" per la squadra dilettante  - SCuola Calcio Gigi Riva

●        Premio "Paolo Tassu" al dirigente sportivo dell'anno - Alessio Vernazza (Genoa)

●        Premio Giovane rivelazione dell’anno (Andrea Carboni)

●        Premio alla Carriera  (GIanfranco Zola)

Tra i saluti della serata quelli del presidente della Fifa Gianni Infantino, del presidente della lega di serie B Mauro Balata e di Alessio Romagnoli, capitano del MIlan che ha ricordato la sua partecipazione al Selis che lo vide trionfare con la maglia della Roma: "Fu uno dei primi tornei lontano da casa - le parole di Romagnoli- e lo ricordo con grande emozione. Ai ragazzi dico di divertirsi e prendersi tutte le cose che possono imparare a questi momenti". 

E poi i saluti istituzionali dei sindaci e degli assessori dei comuni che ospiteranno l’evento: Olbia, Tempio, Luras, San Teodoro, Calangianus.

SQUADRE

La formula resta invariata così come l’entusiasmo delle formazioni under 13 delle più importanti società professionistiche italiane ed estere e le realtà dilettantistiche di tutto il territorio italiano che anche in questo periodo invernale faranno tappa nell’isola per partecipare al Mundialito per club per la categoria Esordienti.

Saranno 24 le squadre ai nastri di partenza:

Professionisti

Cagliari Calcio, Atalanta Bergamasca Calcio, Genoa CFC, Olbia Calcio, Torino Football Club, Juventus, AC Milan, CSKA Sofia (Bulgaria), FC Riga (Lettonia), Football Club Chertanovo (Russia).

Dilettanti:

Scuola Calcio Oliena, Porto Rotondo, Sigma Cagliari, Plovdiv FA (Bulgaria), Blue Devils Napoli, (Campania) GSD Nuova Tor Tre Teste (Lazio), GR 11 Cagliari, Ferrini Cagliari, Pirri, Sassari Calcio Latte Dolce, Asd Pol. Calcio Budoni, Civitas Tempio, Accademia Ogliastra. 

Nel corso della serata di lunedì saranno svelati i Gironi e gli accoppiamenti per le gare di qualificazione alla presenza dei delegati di tutte le società partecipanti.

Il Main Sponsor è la prestigiosa azienda francese Le Coq Sportif, marchio storico dell’abbigliamento sportivo conosciuto in tutto il mondo che, ormai da anni, si è legato alla rassegna calcistica riconoscendone i valori in termini di correttezza, lealtà, fair play. Dal responsabile marketing Stefano Longo è arrivata anche un’anticipazione di un prossimo evento in fase organizzativa, quello che vedrà la partecipazione al SElis di una delegazione di atleti israelo-palestinesi.

LND ESPORT e TORNEO SELIS

Dal delegato della commissione Esport della Lega Nazionale dilettanti Cristiano Muti, la notizia di un’altra novità che legherà il mondo del SElis a quello virtuale degli Esport: “Vorremmo far vivere la magia di confronti unici tra squadre dilettanti e quelle professionistiche anche nel mondo del virtuale e lo faremo affiancandoci al Torneo SElis”

UN PO' DI STORIA

Il torneo è intitolato alla memoria di Manlio Selis, sportivo conosciutissimo  non solo in Gallura, calciatore prima, allenatore dopo,  ed amico di tantissimi personaggi del calcio che conta, tra cui Gianpiero Boniperti. Si è partiti da un piccolo torneo giovanile a quattro squadre disputato nella Luras di Manlio Selis, la città che amava e dove si è distinto come un uomo di sport. A ricordarlo è suo figlio Enea, inesauribile promotore di edizioni sempre più imponenti e spettacolari. Si è partiti da Luras, passando per l’Ajax, il Genoa, il Real Madrid, l’Inter, il Torino, la Fiorentina, la Roma per arrivare ad oggi. Si riparte da dove avevamo lasciato, dal trofeo alzato al cielo dall’Atalanta, Campione dell’ultima edizione del 2019.

IL TROFEO

Le squadre da tutta Italia ed estere, sono pronte a darsi battaglia per il prezioso Trofeo, realizzato in un pezzo unico dall’artista Thierry Mourot per Cerasarda, l’azienda leader del settore ceramistico.

LA FINALE

Sarà il nuovissimo impianto in sintetico del “Signora Chiara” di Calangianus ad ospitare l'atto finale del Torneo il 30 dicembre. Uno scenario suggestivo che per la prima volta sarà teatro della sfida tra le contendenti dell'ambito trofeo e che, grazie al rinnovato impegno dell'amministrazione comunale, potrà ospitare il pubblico del Selis per una giornata di festa che trasmetteremo LIVE sui nostri canali.

IL SELIS SUI SOCIAL

Anno dopo anno il Torneo cresce e si amplia il numero di spettatori che partecipano alle ricchissime giornate di gare ma non dimentichiamo anche la grande opportunità offerta dai mezzi di comunicazione. Facebook, Twitter e Instagram saranno le piattaforme utilizzate per dialogare con chi seguirà l’evento.

Il sito internet torneoselis.it on line dal 13 dicembre è stato rinnovato ed implementato per permettere di avere i risultati in tempo reale e sarà punto di riferimento durante le giornate del torneo.