Il Trento non sfonda il muro del Mori Santo Stefano.

Eccellenza Trentino Alto Adige
17.10.2019 00:30 di Maria Lopez   Vedi letture
Il Trento non sfonda il muro  del Mori Santo Stefano.

Dopo sette vittorie consecutive in campionato il Trento impatta 0 a 0 in terra lagarina contro il Mori Santo Stefano nella gara valevole per l'ottavo turno d'andata del campionato d'Eccellenza. Al "Comunale" i gialloblù ci provano ma il rebound di Pellicanò si stampa sul palo e il colpo di testa di Sottovia viene respinto dalla traversa. Gli aquilotti salgono a quota 22 in classifica, a più due sul San Giorgio, che ha battuto il San Paolo. Domenica si torna al "Briamasco" per il nono turno della fase ascendente di torneo: in via Sanseverino arriverà il Brixen.

Live match.

Mister Toccoli deve fare a meno degli acciaccati Marcolini e Baido e cambia assetto, affidandosi al "3-5-2": Marcolini e Ferraglia, non ancora al meglio si accomodano in panchina, al pari di Baido, tenuto precauzionalmente a riposo dopo il problema muscolare accusato domenica scorsa contro il Maia Alta. Cazzaro difende i pali della porta gialloblù, mentre il terzetto di difesa è formato da Carella, Trainotti e Panizza. In mediana capitan Pettarin agisce da playmaker con Trevisan e Caporali interni, mentre le due fasce sono presidiate da Paoli e Pellicanà. In avanti spazio al tandem composto da Sottovia e Pietribiasi.

Il Trento prende in mano le redini del match, ma fatica a trovare spazi contro il Mori, che si chiude nella propria trequarti per poi agire di rimessa. Al 9' Sottovia si libera bene al limite dell'area e poi lascia partire un gran destro che termina di poco a lato. Doppia enorme chance, invece, a cavallo del 16' per la squadra gialloblù: Moscatelli prova a rinviare ma sbatte contro Pellicanò e la sfera si stampa sul palo a portiere battuto e, sul prosieguo dell'azione, Sottovia libera Caporali in area di rigore, ma il destro a giro del centrocampista è leggermente largo con il pallone che sfiora l'incrocio dei pali.

Al minuto 27 Sottovia e Pietribiasi duettano nello stretto con il capocannoniere aquilotto che calcia di prima intenzione, ma il suo diagonale si perde a lato. Sul ribaltamento di fronte è il Mori a rendersi pericoloso: mischia in area trentina e conclusione di Pederzini, che supera tutti ma non Panizza che rinvia nei pressi della linea.

Il Trento insiste nella pressione e al 33' è nuovamente il "legno" a dire "no" alla compagine di Toccoli: traversone dalla destra di Paoli per la testa di Sottovia che, in avvitamento, centra la traversa con Bordignon fuori causa. Passano quattro minuti e lo stesso Sottovia arriva alla conclusione dopo uno schema su calcio piazzato, ma la conclusione del centravanti non inquadra lo specchio della porta.

La ripresa si apre con un botta e risposta: dopo due giri di lancette il moriano Dossi calcia da fuori, la sfera viene deviata da un difensore e Cazzaro è bravissimo nell'intervento in tuffo. Si cambia fronte e il Trento sfiora il vantaggio con il sinistro a pelo d'erba di Pellicanò, che si accomoda a lato di un nonnulla.

Toccoli inserisce Badjan per Paoli con Pellicanò che si sposta a destra. Al 64' altra super occasione per il Trento: Caporali pennella in area per Pietribiasi, perfetto nel controllo e nella conclusione ma Bordignon è superlativo nell'intervento in tuffo, aiutato anche dalla scivolata del compagno di reparto Cascone. Tre minuti più tardi è il Mori a rendersi molto pericoloso: Cescatti crossa dalla sinistra e la deviazione in corsa di Pettarin costringe Cazzaro ad un grande intervento per evitare la capitolazione.

Alla mezz'ora Pietribiasi cade in area avversaria dopo un contatto con un avversario ma l'arbitro lascia proseguire e la conclusione del neoentrato Ferraglia (preceduto da Santuari), viene stoppata da un difensore.

Il Trento ci prova sino alla fine, in pieno recupero Sottovia sfiora il montante con un destro potente da venti metri, ma il Mori chiude ogni varco e il risultato non si sblocca sino al triplice fischio del direttore di gara.

Domenica nona giornata del girone d'andata: al "Briamasco" (ore 15.30) arriverà il Brixen.

Il tabellino.

Mori Santo Stefano - Trento 0-0

MORI SANTO STEFANO: Bordignon, C. Pozza, N. Dal Fiume, Cascone, Libera, Moscatelli (35'pt Pedrotti), Pederzini, Comai, Pezzato (35'st Marchione), Dossi (27'st Simonini), Cescatti.

A disposizione: Prezzi, Salvetti, Marchiori, Raoss, Rizzello, E. Pozza.

Allenatore: Davide Zoller.

TRENTO (3-5-2): Cazzaro; Carella, Trainotti, Panizza; Paoli (13'st Badjan), Trevisan (21'st Santuari), Pettarin, Caporali, Pellicanò (29'st Ferraglia); Pietribiasi, Sottovia.

A disposizione: Conci, Pederzolli, Marcolini, Battisti, Baido, Celfeza.

Allenatore: Flavio Toccoli.

ARBITRO: Picardi di Viareggio (Stefani di Arco Riva e Giovannini di Rovereto).

NOTE: spettatori 300 circa. Campo in buone condizioni. Serata tipicamente autunnale. Ammoniti Cascone (M), Pedrotti (M), Pietribiasi (T), Santuari (T) e Pellicanò (T) per gioco falloso. Calci d'angolo 4 a 2 per il Mori Santo Stefano. Recupero 1' + 4'.