Involuzione Lanciano. De Vincentiis punta sul calciomercato: "Ampliamo la batteria degli under"

Eccellenza Abruzzo
12.11.2019 20:00 di Francesco Vigliotti   Vedi letture
Involuzione Lanciano. De Vincentiis punta sul calciomercato: "Ampliamo la batteria degli under"

Dal primato solitario, con due lunghezze di vantaggio sul Castelnuovo, all'attuale terzo po­sto, dietro agli stessi teramani (ora a +5) ed al Capistrello.

Que­sta la situazione di classifica del Lanciano, reduce da una setti­mana che ha visto la squadra di Di Pasquale racimolare, nelle 3 gare disputate, appena 2 punti (contro i 9 conquistati dalle pri­me due della classe), pur aven­do giocato due volte su tre al Biondi, dove aveva sempre vin­to in precedenza, collezionan­do 4 successi su 4, con ben 15 re­ti all'attivo.

Un'involuzione evi­dente, quanto meno sul piano dei risultati, che non sembra pe­rò preoccupare più di tanto il suo presidente Fabio De Vincen­tiis: «Ovviamente avrei preferito avere qualche punto in più», commenta il patron rossonero, «ma sono certo che ne usciremo in fretta. Si tratta solo di recupe­rare la forma migliore. Specialmente per quanto riguarda il re­parto di centrocampo, letteral­mente tartassato da problemi fì­sici. Avere, contemporanea­mente, quattro elementi non al meglio della condizione, ed in un settore nevralgico come que­sto, pesa non poco. Soprattutto in una fase così intensa della sta­gione. Per questo», prosegue, «più che arrabbiato, sono di­spiaciuto, dato che i ragazzi si impegnano sempre tanto, al pa­ri del mister, al quale non si può oggettivamente chiedere di più».

A dicembre riapre il merca­to. «E noi ci faremo trovare pronti, all’occorrenza», avverte De Vincentiis, «essendo già al la­voro per ampliare la batteria dei fuoriquota, aggiungendo maga­ri un altro elemento di spessore ad un organico che già adesso reputo tra i migliori del girone e dunque in grado di lottare per il salto di categoria, in assenza di una favorita assoluta».

Campionato che ha fatto regi­strare, nell’ultimo turno, anche qualche altro risultato in contro­tendenza, come le battute d'ar­resto di Torrese e Sambuceto, entrambe reduci da una discre­ta striscia vincente. «Sapevamo che non sarebbe stato facile, contro un avversario insidioso come lo Spoltore», la disamina post gara del tecnico della Tor­rese Remigio Cristofari, «e pur avendo subito pochissimo, una volta passati in svantaggio non siamo riusciti a recuperare. Ri­partiamo quindi dalla prestazio­ne, concentrandoci sull'impe­gno infrasettimanale di coppa Italia».

Domani pomeriggio, in­fatti, si completa il secondo tur­no, con le gare di ritorno delle sfide ad eliminazione diretta (Torrese-Lanciano, Nereto-Ac- quaeSapone e Bacigalupo Vasto Marina-Castelnuovo) ed il mat­ch Spoltore-Capistrello, terzo at­to del triangolare comprenden­te anche i Nerostellati. Tornan­do al campionato, da segnalare il buon momento del Pontevomano, che con 4 punti nelle ulti­me 2 gare disputate si rilancia in zona salvezza. Dove rischia di ri­manere invischiato il Nereto, re­duce da cinque ko di fila: uno in più rispetto alla Virtus Cupello, il cui trainer Panfilo Cariucci in­voca rinforzi dalla società: «Non chiedo grandi nomi», sottoli­nea, «ma almeno un adegua­mento numerico di una rosa condizionata da qualche assen­za di troppo, tant'è che in distin­ta avevo solo 18 elementi».