Benevento, Caserta: «Le critiche fanno bene e fanno crescere»

14.05.2022 08:45 di Nicolas Lopez   vedi letture
Benevento, Caserta: «Le critiche fanno bene e fanno crescere»

Il Benevento prosegue la corsa play-off dopo il successo contro l'Ascoli. La gara è stata analizzata dal tecnico dei giallorossi Fabio Caserta. Queste, come riportate da Ottopagine, le parole dell'allenatore.

«Era importante azzerare il finale di campionato che sicuramente non è stato dei migliori. Ho sempre detto che questi ragazzi hanno dei valori umani soprattutto dal punto di vista umano. Confido in loro perché nei momenti di difficoltà danno sempre qualcosa in più. Il gruppo forte si vede in questi momenti. Sono contentissimo per loro perché hanno attraversato delle giornate non facili, ma hanno lavorato sempre duro. Il percorso è ancora lungo, ci sono due gare difficili, ma era importante dare un segnale a noi stessi. Siamo questa squadra: lottiamo palla su palla, rimediamo all'errore mettendoci una pezza per poi ripartire. Ho sempre avuto un buon rapporto con tutti. L'allenatore deve fare delle scelte, ma da parte dei ragazzi c'è sempre stato massimo rispetto senza alcun tipo di problema. Quando non arrivano i risultati si dicono tante cose. Da calciatore sono stato in squadre dove non c'era neanche il dialogo, ma in campo l'uno correva per l'altro. Una squadra è formata da tante personalità e non è obbligatorio che tutti vadano d'accordo, l'importante è che giochino per un obiettivo comune. Sono talmente bravi che non litigano mai tra di loro, vorrei che lo facessero con me. Le critiche? È giusto prendersi i fischi, fa parte del gioco. Nelle difficoltà ci ho sempre messo la faccia. Quando fai tutto al massimo non c'è nulla da rimproverarsi. Farò sicuramente degli errori, ma quando li fai con serenità non vedo perché non andare sotto la curva e sentire le opinioni. Le critiche fanno bene e fanno crescere. Se c'è la possibilità penso che serviranno le porte aperte anche prima della gara col Pisa. Si sentivano i tifosi e hanno dato una grande mano ai ragazzi. Anche per questo mi aspetto uno stadio pieno».