Angelo Antonio D'Agostino: «Nel mio Avellino persone ed idee»

19.03.2020 08:00 di Davide Guardabascio   Vedi letture
Fonte: corriere dello sport
Angelo Antonio D'Agostino: «Nel mio Avellino persone ed idee»

L’esordio vincente e lo stop immediato. L’attivismo e la concretezza del nuovo presidente dell’Avellino si sono scontrate con la situazione di emergenza che interessa l’Irpinia, dove si registra il preoccupante dato del più alto numero di contagiati nel rapporto tra popolazione residente e soggetti affetti da Coronavirs, uno ogni 7.644 abitanti, il doppio rispetto a Napoli con uno ogni 14.086 residente in quella provincia.

Angelo Antonio D’Agostino aveva esultato per la vittoria ottenuta contro la Ternana, assistendo alla sua partita di esordio nella carica con al suo fianco, ospite d’eccezione, il presidente di Lega Pro Francesco Ghirelli. Durante la partita a porte chiuse, con orgoglio aveva mostrato al numero uno della Serie C il lavoro svolto al “Partenio” in poche ore, installando le poltroncine per vedere aumentata la capienza della tribuna, incombenza trascurata dai suoi predecessori dai quali il nuovo patron ha ereditato problemi finanziari, amministrativi e sportivi.

In piena emergenza è stata rispettata la scadenza degli stipendi per i dipendenti. Non è stato facile, considerando l’impossibilità a frequentare la sede sociale. «L’emergenza sanitaria che tutti stiamo ha reso complessa anche l’ordinaria amministrazione. L’organizzazione interna, la programmazione e la solidità finanziaria hanno però permesso di superare anche questo scoglio, tenendo fede agli impegni. E’ stato frutto del lavoro di una squadra che, al pari di quella che va in campo, si sta rivelando affiatata e coesa», ha detto D’Agostino.

Particolare attenzione alla salute dei dipendenti, dei calciatori, dello staff tecnico. «Abbiamo adottato tutte le misure di sicurezza, a cominciare da sane pratiche di smartworking e telelavoro. Dispiace molto, in questa emergenza, l’impossibilità di concretizzare rapporti già avviati con numerosi imprenditori disposti a fornire concreto sostegno quali sponsor, negato da situazioni contingenti indipendenti dalla nostra volontà. In questo difficile momento stiamo lavorando affinchè l’Avellino,al pari delle altre aziende del gruppo, continui a crescere ed essere tutelata anche a fronte delle grandi difficoltà che tutti quotidianamente stiamo affrontando». I calciatori stanno intanto seguendo un preciso programma di lavoro a domicilio, svolgendo un lavoro personalizzato con contatti quotidiani con lo staff tecnico e sanitario.