Il record storico di spettatori in Serie D che fu determinante per la carriera di Pietro Anastasi

23.06.2024 14:30 di  Redazione NotiziarioCalcio.com  Twitter:    vedi letture
Il record storico di spettatori in Serie D che fu determinante per la carriera di Pietro Anastasi

Il 25 aprile 1966, una partita di Serie D tra Massiminiana e Paternò ha segnato un capitolo indelebile nella storia del calcio dilettantistico italiano. Tenutasi allo stadio Cibali di Catania, l'incontro ha attirato uno straordinario pubblico di 25.000 spettatori, di cui 10.000 provenienti da Paternò. Nonostante il risultato finale di 0-0, l'evento ha fissato il record di affluenza per una partita di Serie D, lasciando un'impronta incancellabile nella memoria degli appassionati.

Ma non è solo il record di spettatori a rendere questa partita un momento fondamentale nella storia del calcio nostrano. Per Pietro Anastasi, all'epoca appena diciottenne, questo incontro segnò l'inizio di una straordinaria carriera. La sua performance attirò l'attenzione dell'allora direttore sportivo del Varese, Alfredo Casati, che si trovava a Catania per seguire la sfida tra gli etnei e la sua squadra e che per una combinazione fu presente all'incontro. Per favorire il rientro di una donna incinta il diesse rinunciò al volo di ritorno lasciando il suo posto alla gestante. Casati così decise di assistere all'incontro di Serie D rimanendo impressionato dal centravanti del Massiminiana, Anastasi appunto. Tanto colpito da decidere senza indugi di ingaggiarlo per il suo Varese.

Il trasferimento al club lombardo fu un momento cruciale per Anastasi, aprendo il primo capitolo di una lunga e fortunata carriera da professionista. Questa esperienza lo portò a giocare per molti anni nella Serie A e a rappresentare la nazionale italiana, contribuendo significativamente al panorama calcistico del nostro paese.

La partita Massiminiana - Paternò del 1966 non è solo un record di spettatori, ma un momento che ha plasmato il destino di un giovane talento e ha contribuito a scrivere la storia del calcio italiano. Una storia che, anche a distanza di anni, continua a ispirare e a riflettere il fascino eterno del nostro sport nazionale.