Lo Scandicci alza la testa: ko che brucia per il Foligno

27.01.2021 20:00 di Anna Laura Giannini   Vedi letture
Lo Scandicci alza la testa: ko che brucia per il Foligno

La partita Foligno - Scandicci, svolta allo stadio "Enzo Blasone" di Foligno (PG), è terminata 1-0 in favore dello Scandicci. È una sconfitta dura da incassare perché, se è vero che il Foligno contro lo Scandicci nel recupero dell’undicesima giornata di campionato non ha giocato una buona partita, commettendo tanti errori e non riuscendo ad essere incisivo, lo è anche il fatto che gli avversari, scesi al “Blasone” con un atteggiamento maggiormente votato alla prudenza, hanno pescato il vero e proprio jolly al primo tiro serio del match.

I Falchi hanno cercato di prendere il pallino del gioco, ma è mancato dinamismo, velocità, cattiveria, forse anche qualche idea in avanti. Così a far festa sono stati i toscani (0-1).

La sfida - Partita non particolarmente frizzante. Il Foligno gestisce il pallone, ma mancano velocità e precisione nell’ultimo passaggio per impensierire la chiusa difesa dello Scandicci. Ne viene fuori una gara abbastanza noiosa, con ritmi un po’ bassi e senza acuti di nota. Ci provano in avvio Fondi (8’, tiro alto) e Zerbo (10’, neutralizza in due tempi il portiere). Per il resto tanta buona volontà per gli uomini di Armillei, che insistono senza riuscire ad essere pungenti. Al 26’ Sanseverino scodella in profondità per lo scatto di Mancini, che dribbla il portiere ma viene fermato per fuorigioco al momento di insaccare.

Per l’occasione più nitida dei Falchi – e lo sarà anche per tutta la gara - dobbiamo arrivare al minuto 32: bel tacco di sanseverino che libera Zerbo al limite; sinistro maligno respinto da Iacoponi; azione che continua e vede Marianeschi andare al cross dalla sinistra, con Mancini fa sfilare e Zerbo a centro area, forse sorpreso, in mezza rovesciata spara alle stelle in area piccola un pallone su cui bastava mettere il piattone.

Passiamo alla ripresa. Anche nel secondo round il Foligno cerca di gestire la manovra, anche stazionando stabilmente nella metà campo ospite. Lo Scandicci è ben chiuso e non lascia nessuno spazio alle iniziative dei Falchi, che appaiono però mancare della cattiveria giusta per andare a colpire e spesso e volentieri si affidano ai lanci lunghi. Di fatto palle gol vere non si annotano. Passano i minuti e la squadra di Armillei comincia oltretutto ad accusare in condizione fisica: lo Scandicci appare un po' più vivo (azione personale di Meucci sul fondo al 26’) ma senza strafare.

L’obiettivo sarebbe portare a casa lo 0-0, ma a 35’ ci scappa addirittura il jolly, con Saccardi che dal limite fa partire una botta in seguito a una palla respinta dalla difesa su punizione di Sinisgallo. Niente da fare per Meniconi e Scandicci avanti. Negli ultimi minuti i padroni di casa hanno il vantaggio di trovarsi in superiorità numerica per l’espulsione del portiere Iacoponi, già ammonito, per un fallo su Zerbo.

In porta va il 2004 Bruni ma ormai il tempo è quasi scaduto: Broso al 40’ mette dentro in tap-in una respinta proprio del baby portiere toscano su tiro di Fondi, ma la posizione è irregolare e per il Foligno si materializza un ko duro da mandare giù.

Foligno – Scandicci 0-1

Foligno (4-3-1-2): Meniconi; Colarieti (42’ st Betti), Nuti, Aldrovandi, Rossi (1’ st Asllani); Fondi, Sanseverino (46’ st Giabbecucci), Marianeschi; Piancatelli (23’ st Fiki); Mancini (16’ st Broso), Zerbo. A disp.: Marricchi, Dondoni, Currieri, Dita. All.: Armillei.
Scandicci (4-3-1-2): Iacoponi; Zaccagnini (19’ st Meucci), Viola, Diana, Liberati; Tacconi, Sinisgallo, Borgarello; Saccardi (39’ st Bruni); Ferretti (1’ st Marini), Mugelli (23’ st Kernezo). A disp.: Ficini, Francalanci, Frascadore, Mazzolli, Di Benedetto. All.: Davitti.
Arbitro: Di Renzo di Bolzano (assistenti: Fabrizi di Frosinone - Cirillo di Roma 1).
Rete: 35’ st Saccardi (S).
Note: gara giocata a porte chiuse. Espulso al 38’ st Iacoponi (S) per somma di ammonizioni. Ammoniti: Liberati (S), Aldrovandi (F), Saccardi (S), Asllani (F). Angoli: 4-0. Recupero: 0’ pt e 4’ st.