UFFICIALE: Calvi Noale, è Vianello il nuovo allenatore

17.05.2018 19:30 di Maria Lopez  articolo letto 381 volte
UFFICIALE: Calvi Noale, è Vianello il nuovo allenatore

Cambia il volto della Calvi Noale dopo la delusione del finale di stagione.  Dopo l’addio di mister William Pianu, che già due mesi fa aveva dichiarato che non avrebbe continuato con la Calvi, arriva anche quello del ds Corrado Del Bianco a cui si legano tutte le ultime soddisfazioni sportive della compagine noalese, le entusiasmanti promozioni sino alla scalata in serie D.

Dopo dieci anni di attività ininterrotta in questo ambiente, e cinque a Noale con molte, moltissime soddisfazioni, forse è venuto il momento di cambiare.” L’amaro commento finale del direttore sportivo. “Questa retrocessione è stata una delusione troppo grande tanto da spingermi a lasciare Noale”.

Così la società a fronte delle partenze si è subito mossa con l’annuncio del nuovo allenatore che guiderà la prima squadra dalla prossima stagione 2018/2019 in Eccellenza, Matteo Vianello, già esperto attaccante e negli ultimi anni alla guida del Real Martellago e del Nervesa proprio in Eccellenza veneta.

Dopo una retrocessione è sempre difficile ripartire.” Le prime parole da neo mister noalese. “C’è amarezza nell’ambiente, ma io ho accettato con tanta voglia di ripartire. Abbiamo in testa una cosa nuova, uno staff tutto nuovo e un progetto condiviso con il presidente Marco Del Bianco. L’Eccellenza è un campionato difficile, ma io spero di poterlo affrontare con almeno tre, quattro giocatori di esperienza e poi puntare sui giovani. Magari prendendo dall’ossatura della squadra che ha appena concluso il campionato. Siamo nei tempi, ma dobbiamo muoverci subito per poter predisporre una rosa competitiva.”

In attesa delle dichiarazioni del presidente sul nuovo progetto della Calvi Noale per ripartire da dove abbiamo interrotto il nostro sogno in serie D, il numero uno della società ha commentato così la decisione del ds Corrado Del Bianco.

Mi dispiace per la decisione di Corrado ma capisco le motivazioni. Il suo ruolo era molto importante ma noi ci stiamo riorganizzando e andiamo avanti.”