Avellino, l'au D'Agostino: «Siamo consapevoli di dover fare mercato a gennaio»

09.12.2022 18:15 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    vedi letture
Fonte: tuttoavellino
Avellino, l'au D'Agostino: «Siamo consapevoli di dover fare mercato a gennaio»

Ai microfoni di AvLive, l'amministratore unico della IDC, Giovanni D'Agostino ha parlato delle porte chiuse con la Fidelis Andria e del mercato di gennaio: "Sette punti in tre partite vanno bene, anche se l'entusiasmo non è mai mancato. Poi quando c'è un amore così estremo è normale l'amarezza. Dobbiamo continuare a lavorare con programmazione, stando con i piedi a terra. Ci dispiace domenica non avere il pubblico sugli spalti, abbiamo fatto di tutto con l'avvocato Chiacchio a ricorrere, ma sapevamo che avremmo avuto poche speranze. Multe? Ad oggi abbiamo pagato oltre 35.000 euro tra fumogeni e cavolate varie. Piuttosto che giocare a porte chiuse, avremmo voluto prendere una multa, ma non ci siamo riusciti. Prendiamo atto di questa decisione, la subiamo.

Purtroppo non possiamo rimborsare il costo del rateo abbonamenti per domenica. Ma per i 2.500 abbonati abbiamo pensato, tramite lo store ufficiale, a un voucher da sfruttare nella sosta natalizia. Pensiamo che il rateo partita è di 4,50 euro, penseremo a qualcosa per far tornare il sorriso ai nostri tifosi. 

L'effetto del cambio in panchina c'è stato, anche le gare che abbiamo perso o pareggiato avremmo meritato qualcosa in più. Siamo consapevoli di dover fare mercato a gennaio, anche se sappiamo quanto sia difficile muoversi in corsa. Possiamo anche fare danni. Dobbiamo essere realisti e arrivare alla post-season nel miglior modo possibile, quindi anche il mercato può aiutare su questo aspetto. Dobbiamo fare tanti movimenti in entrata e in uscita, ma dobbiamo anche capire cosa potremmo fare. 

La Serie B non è una chimera, ma sarà la conseguenza del nostro lavoro. È la categoria dove deve stare l'Avellino, in C siamo fuori contesto, ma la promozione nessuno ce la regalerà. Noi più che non mettere freni ai budget e di chiamare professionisti con noi, non possiamo fare".