Pergolettese, mister De Paola: «I numeri sono spietati e la classifica si è accorciata...»

01.12.2020 19:30 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Pergolettese, mister De Paola: «I numeri sono spietati e la classifica si è accorciata...»

Ancora una settimana densa di impegni per la Pergolettese, che domani al Voltini ospita la Juventus U23, gara di recupero della 9° giornata, rinviata a causa delle convocazioni nelle rappresentative nazionali, che hanno coinvolto parecchi ragazzi bianconeri. Luciano De Paola recupera Bortoluz (che ha scontato la giornata di squalifica), Scardina( che si candida per una maglia da titolare) e Ferrari, rientrato in gruppo. Nell’allenamento di ieri e’ rimasto vittima di una distorsione alla caviglia il portiere Matteo Soncin, che va ad unirsi agli altri assenti Palermo (squalifcato), Duca e Scarpelli.
Al termine della seduta di rifinitura, mister De Paola ha analizzato gli ostacoli che si trovera’ nell’affrontare la formazione bianconera , reduce dall’imprevista sconfitta di Olbia e che ha di fatto accorciato la classifica.
“Si’ sicuramente la classifica si e’ accorciata molto - ha dichiarato - noi dobbiamo continuare a lavorare e giocare come stiamo facendo; nonostante le ultime battute d’arresto. Non vuol essere una scusante ma ricordo pero’che abbiamo dovuto affrontato, nelle ultime due partite, le prime due della graduatoria in dieci uomini per un lungo tratto delle due gare. Andiamo ad affrontare una squadra giovane, come la Juventus u23, ma ricca di talento. Dobbiamo affrontarla con la nostra personalita’, cercando di limitare quegli errori grossolani commessi in queste ultime tre gare. La squadra e’ in salute, lotta, corre e gioca al calcio. Recupero Scardina e Bortoluz,che sono due giocatori importanti: avro’ due armi in piu’ a disposizione. La squadra non merita di essere in quella posizione di classifica. Abbiamo avuto diverse vicissitudini nelle ultime gare: saremo obbligati a fare la partita della vita.”

Il dato statistico che piu’ salta all’occhio e’ che la casella gol fatti segna 18 (secondo miglior attacco del girone, alla pari della Pro Vercelli, alle spalle di Renate e Alessandria prime con 20 gol) ma quella dei gol subiti segna il numero 20 (ultima difesa assieme a Olbia e Giana Erminio): una incongruenza.
“I numeri sono spietati e dicono cosi’. Se pero’ si va ad analizzarli singolarmente, viene risaltato il fatto che i gol subiti sono arrivati da palle inattive e da scelte sbagliate, mai su palle in movimento. La squadra e’ molto giovane e sta crescendo; se continuiamo a lavorare con questo carattere e voglia, ne usciremo presto: io sono molto fiducioso e straconvinto che ne usciremo alla grande.”

Sabato hai provato un nuovo modulo il 3-5-2, anche se hai potuto utilizzare solo per 30 minuti.
Pensi che questa squadra lo possa sostenere o il 4-3-3, utilizzato sin dall’inizio stagione ,sia quello piu’ idoneo a questo gruppo
“Ero partito sabato con il 3-5-2 per dare piu’ copertura, ma il DNA di questa squadra e’ il 4-3-3. Ritorneremo alle origini anche perche’, per lavorare su un modulo nuovo, servono settimane e noi in questi dieci giorni non abbiamo mai potuto lavorare a lungo sul campo di allenamento, avendo gare da fare ogni tre giorni. Passata questa settimana, avremo del tempo per tornare a lavorare su diversi aspetti che sono ancora da migliorare e proveremo altre alternative di gioco.”