Quando i talenti italiani sfondano all'estero: il sedicenne Tresoldi fa impazzire l'Hannover a suon di gol

15.10.2020 16:15 di Massimo Poerio   Vedi letture
Fonte: corriere dello sport
Quando i talenti italiani sfondano all'estero: il sedicenne Tresoldi fa impazzire l'Hannover a suon di gol

L'hanno visto subito in Germania il fiuto del gol. E si sono accorti di lui finche nel giro azzurro, visto die lo staff lo sta seguendo per l’Under 17. E nome dice già qual­cosa: Nicolò Tresoldi, 16 anni, at­taccante dell’Hannover 96, figlio di Emanuele che ha un passato da terzino sinistro nell'Atalanta di Mondonico in Serie A e cam­pione d’Europa con l’Under 21 di Prandelli nel ’94. Nicolò ha segui­to i genitori che tre armi fa si sono trasferiti ad Hannover. Segni par­ticolari: centravanti di 182 cen­timetri, forte fisicamente e dota­to di buona tecnica che ha avu­to modo di far vedere prima di lasciare l'Italia nelle sedute di al­lenamento con Milan, Atalanta, Fiorentina, Bologna, Roma e Pe­rugia.

All’Hannover 96 e già finito nel mirino della prima squadra che milita nella Bundesliga 2 (Se­rie B), con la convocazione per l’amichevole contro l’Union Ber­lino entrando in campo nel finale.

Gli sono bastate tre giornate con l'Under 17 per farsi apprezzare segnando 5 gol, capocannoniere di tutti i cam­pionati giovanili tedeschi nell’av­vio di stagione. La sua squadra è inserita nel girone Nord con realtà come Lipsia, Herta Berli­no, Amburgo, Werder Brema e Wolfsburg. Tresoldi junior si sta mettendo in luce nelle giovani­li viaggiando alla media di 20 gol a campionato. Questo non gli impedisce di essere uno stu­dente modello, visto che va be­nissimo a scuola e parla corret­tamente tedesco, inglese e spa­gnolo.

Sta facendo esperienza nel cuore dellEuropa in un club che vanta strutture e organizza­zione di assoluto livello. Ora in famiglia pensano al doppio pas­saporto, italiano e tedesco, sen­za mettergli addosso alcuna pres­sione addosso, lasciandolo so­prattutto divertire nell’inseguire il suo sogno.