Caso Acerbi: la Procura Figc chiude l'indagine, palla al Giudice Sportivo

23.03.2024 15:00 di Anna Laura Giannini   vedi letture
Caso Acerbi: la Procura Figc chiude l'indagine, palla al Giudice Sportivo

Dopo tre giorni di supplemento d'indagine, la Procura Federcalcio ha inviato al Giudice Sportivo Gerardo Mastrandrea tutto il materiale raccolto sul caso di presunto insulto razzista da parte di Francesco Acerbi ai danni di Juan Jesus durante Inter-Napoli.

L'obiettivo è quello di permettere al Giudice di avere un quadro completo della vicenda e di poter prendere una decisione definitiva sulla sanzione da infliggere al difensore dell'Inter.

Le audizioni di Acerbi e Juan Jesus

Acerbi ha ribadito la sua versione dei fatti, sostenendo di non aver mai dato del "negro" a Juan Jesus, ma di avergli detto "ti faccio nero", parole che sarebbero state fraintese dal giocatore del Napoli. Ha inoltre giustificato le sue scuse come un tentativo di evitare ulteriori fraintendimenti.

Juan Jesus, invece, ha ribadito la sua posizione, affermando che Acerbi gli avrebbe detto "vai via negro, sei solo un negro" e che si sarebbe poi scusato con lui, aggiungendo: "Per me negro è un insulto come un altro".

Le possibili sanzioni

Se Acerbi dovesse essere riconosciuto colpevole di aver pronunciato l'insulto razzista, rischia una squalifica da 10 giornate a tempo indeterminato per "comportamento discriminatorio".

Qualora invece la sua versione dovesse essere ritenuta credibile, potrebbe essere sanzionato per "condotta gravemente antisportiva" con una squalifica di 2 giornate, che potrebbero salire a 3-4 per l'aggravante di aver ammesso di aver pronunciato la parola "nero".

La decisione del Giudice Sportivo è attesa per l'inizio della prossima settimana.

Altri dettagli emersi

Dalle audizioni è emerso un momento di incertezza durante l'interrogatorio di Acerbi. Il procuratore Giuseppe Chiné gli ha chiesto perché si è scusato con Juan Jesus, se come sostiene non ha pronunciato alcun insulto razzista. La risposta di Acerbi non ha convinto del tutto.

Inoltre, Juan Jesus ha precisato che non è possibile che abbia frainteso le parole diAcerbi, data la chiarezza dell'insulto e la sua immediata protesta con l'arbitro.

La Procura Figc ha acquisito tutti i video disponibili, l'audio tra l'arbitro La Penna e la sala VAR e i verbali delle audizioni di entrambi i giocatori.

Il materiale raccolto sarà ora valutato dal Giudice Sportivo, che dovrà emettere la sua sentenza.

Il caso Acerbi ha acceso un acceso dibattito sul tema del razzismo nel calcio italiano. La decisione del Giudice Sportivo sarà attesa con grande attenzione.