Siena, Schiavon: «Sono contento che il mister mi abbia chiamato anche qui»

03.12.2020 22:15 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Siena, Schiavon: «Sono contento che il mister mi abbia chiamato anche qui»

Il centrocampista bianconero Eros Schiavon ai microfoni della società ha parlato dei diversi temi legati alla sua nuova esperienza personale e non solo.

ESPERIENZE – Arrivo a Siena per dare tutto quello che ho imparato in questi 20 anni di calcio e per mettermi a disposizione dei miei compagni e dell’allenatore. L’obiettivo è riportare il Siena nei professionisti

GILARDINO – L’ho avuto l’anno scorso alla Pro Vercelli, abbiamo fatto una buona stagione. Peccato per lo stop imposto dal Covid-19. Sono contento che il mister mi abbia chiamato anche qui a Siena.

DIFFERENZE TRA SERIE A E D – In Serie A tatticamente sono molto preparati ed è difficile superare le linee, lì qualità di palleggio e fisicità contano tantissimo; la Serie D, al di là della tattica, è molto più rocambolesca, ci sono cambi di gioco e contropiedi. Si corre di più, e per me è un bene. Mi diverto!

GIOVANI – Cerco sempre di dare buoni consigli ai miei compagni, alcuni sono davvero molto bravi. Dal primo giorno a oggi li ho visti crescere tantissimo, hanno ampissimi margini di miglioramento. I miei compagni possono contare su di me, in qualsiasi momento e per qualsiasi necessità. Il calcio è così. Si gioca in undici, è vero, però siamo in tanti e dobbiamo aiutarci tra di noi per arrivare a obiettivi importanti.

FUORI DAL CAMPO – Sono sposato con Caterina e ho una bellissima figlia di sette 7 anni, Maria Vittoria. Loro non sono qui con me, vivono a Ferrara. Uno dei miei hobby è la pesca, mi piace tantissimo. Cibo? I primi giorni giravo per la città e assaggiavo un po' di tutto, quando ho la possibilità vado al ristorante o da qualche altra parte. Aspettiamo momenti migliori per Siena e per l’Italia, voglio conoscere questa bellissima città.

TIFOSI – Durante la partita ho sentito e sento dei cori provenire da fuori, per noi è molto importante. Sentirli e averli vicini è un orgoglio. Lotteremo per loro e per noi, non vediamo l’ora che questa situazione finisca. Siena vuole vedere i suoi giocatori e noi vogliamo vedere i nostri tifosi”.