Zagarolo, Coppola nuovo allenatore

02.07.2011 12:00 di Andrea Scala  articolo letto 2010 volte
Fonte: tuttolegapro.com
Zagarolo, Coppola nuovo allenatore

Lo Zagarolo fa sul serio e dopo aver confermato la punta di diamante Alessio Carlini, annuncia di aver affidato la panchina per la stagione 2011/2012 a Maurizio Coppola. Un colpo davvero a sensazione l'accordo col mister ex Arezzo, che conferma le ambizioni della società amaranto per il prossimo campionato di Serie D.

Soddisfatto il presidente Enrico Folgori: “Sono particolarmente soddisfatto di aver concluso in tempi rapidissimi l’accordo con Coppola, un tecnico molto preparato e che ha da subito condiviso ed abbracciato la nostra filosofia. Con lui sono convinto che potremo ottenere risultati importanti e stiamo già proseguendo nel completare una rosa composta da elementi di grande esperienza e soprattutto da giovani molto interessanti“.

Sulla stessa lunghezza d’onda anche Maurizio Coppola, entusiasta di cominciare un’avventura nuova ed importante con lo Zagarolo. “Sono felice di aver concluso l’accordo con questa società - afferma l'ex centrocampista tra le altre di Viterbese e Padova - per un duplice motivo. Perché è stato messo in campo un progetto molto importante ed ambizioso e perché ritrovo un gruppo di persone altamente qualificate con le quali avevo già lavorato e mi riferisco al presidente, al d.s. Galli, ad Ernesto Talatico. Insieme sono certo che potremo fare cose importanti. Le responsabilità? Non mi spaventano. L’anno scorso arrivai ad Arezzo nello scetticismo generale prendendo una squadra che dopo 12 giornate aveva solo 8 punti ed era al penultimo posto. Dopo una rimonta entusiasmante siamo arrivato a chiudere all’ottavo posto in classifica. A Zagarolo stiamo allestendo una squadra competitiva, con le conferme di Carlini, De Paolis e Gennari, accanto ai quali stiamo cercando di inserire tanti giovani di grandi prospettive. Ho tanta voglia di cominciare, in una società con grandi motivazioni e in una città che ha un entusiasmo assolutamente contagioso. Faremo bene ne sono convinto“.