Catania, mister Raffaele: «Non siamo stati la solita squadra e, con onestà, si capisce perché...»

25.02.2021 11:45 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Fonte: tuttocalciocatania
Catania, mister Raffaele: «Non siamo stati la solita squadra e, con onestà, si capisce perché...»

Mister Giuseppe Raffaele analizza in questi termini lo 0-0 di Pagani:

“Abbiamo cercato dall’inizio alla fine di fare la partita e di ottenere i tre punti. Affrontavamo una squadra in salute che ha ottenuto dieci punti nelle ultime cinque partite. Su questo campo ha battuto il Catanzaro e l’Avellino non è andato oltre l’1-1, inoltre la Paganese ha vinto tre gare di fila ultimamente in casa. Nella ripresa sono venute a mancare le energie in alcuni giocatori importanti per noi. Con qualche cambio ho cercato di ravvivare di nuovo la gara ma è emersa un pò di stanchezza per la prima volta nel corso di questo tour de force che proveremo a concludere nel migliore dei modi. Ripeto, il Catania ha cercato sin dall’inizio d’imbastire azioni per fare gol, spesso non siamo riusciti ad andare nell’uno contro uno sugli esterni come ci era successo nel secondo tempo col Bari. La partita a livello fisico ha condizionato la squadra che, comunque, è stata equilibrata. Era il quarto incontro consecutivo in dieci giorni, dopo un solo allenamento siamo venuti qui contro una Paganese che abbiamo costretto sulla difensiva. Non siamo stati imprevedibili in zona gol e abbiamo rischiato su alcuni piazzati. Serviva un guizzo per vincere“. 

“E’ mancata la freschezza in alcuni uomini. Nella ripresa sono calati Pinto, Russotto e Golfo. Claiton ha chiesto il cambio, siamo rimasti in dieci quando cercavamo il massimo sforzo per passare in vantaggio. Abbiamo messo anche le due punte, sono stato costretto poi a toglierne una ma non perchè non volessi vincere, bensì perchè Welbeck – che anche oggi ha dato tutto – era calato anche lui in mezzo al campo. Non ho visto un Catania nervoso, analizzerò l’espulsione di Tonucci che mi sembra più un caso singolo. Il Catania ha dato tutto, combattendo fino all’ultimo. Nel secondo tempo è mancato quel brio necessario, non abbiamo vinto ma sotto tanti punti di vista la squadra ha dimostrato di essere presente anche oggi. Dobbiamo trarre il meglio da quello che abbiamo, pensando subito a Vibo, poi ci concentreremo sul derby ed il Bisceglie. In questo momento un pò difficoltoso il Catania ha provato a vincere, non siamo venuti a difenderci. Raccogliamo un altro punticino, la mentalità deve essere positiva e la continuità serve. Quando non si vince è importante averci comunque provato. Non è stato il solito Catania arrembante durante le fasi della partita, se c’è onesta intellettuale credo si capisca il perchè”.