Matelica, Bartoccetti: "L’inizio ci porta subito molto lontano..."

18.09.2020 22:00 di Redazione NotiziarioCalcio.com Twitter:    Vedi letture
Matelica, Bartoccetti: "L’inizio ci porta subito molto lontano..."

Affrontare il campionato di Serie C sarà un’esperienza entusiasmante per tutte le componenti della Società biancorossa, per tutte quelle figure che da anni si impegnano e si stringono a fare quadrato intorno alla squadra per coronare un sogno che finalmente oggi è realtà.

Anche per il Team Manager Pietro Bartoccetti sarà un grande onore girare il Paese affrontando squadre blasonate e tenendo sempre alto il nome di Matelica.

Quanto sarà bello viaggiare per l’Italia rappresentando il nome di Matelica?

Sicuramente sarà una nuova esperienza per noi e sarà entusiasmante affrontare un campionato così prestigioso. Ci dovremo confrontare con grandi realtà e piazze blasonate, ma questo non ci scoraggia. Proveremo sempre a dire la nostra.

Cosa cambia per un team manager nell’affrontare un campionato di Serie C rispetto agli anni precedenti?

Nel nostro girone abbiamo Società importanti che sono nel mondo del calcio professionistico da molto tempo con cui sarà bello confrontarsi per provare a crescere. Anche le distanze saranno un po’ diverse, vedremo grandi stadi e splendidi ambienti. Questo renderà tutto ancora più affascinante.

Sono arrivati diversi giocatori nuovi, come si stanno ambientando in città e come si comportano?

Mi sembrano tutti davvero bravi ragazzi, si impegnano tanto in campo, ma soprattutto si comportano bene fuori dal rettangolo verde. L’aspetto educativo e il rispetto dei valori morali sono alcune delle cose più importanti per noi e alle quali teniamo maggiormente.

Un piccolo commento sui calendari appena usciti

L’inizio ci porta subito molto lontano e la Triestina non è certo una delle compagini più semplici da affrontare, ma piano piano le squadre andranno incontrate tutte. Noi inizieremo il nostro cammino da loro. Sarà  una stagione lunga e difficile, speriamo di fare una bella figura e di onorare sempre la maglia.