L'Olympic Salerno nella tana della Living Sarno. Caldarelli: «Il campionato non è finito»

Prima Categoria Campania
03.03.2024 01:00 di Nicolas Lopez   vedi letture
L'Olympic Salerno nella tana della Living Sarno. Caldarelli: «Il campionato non è finito»

Si giocherà domenica alle 10 sul rinnovato "Viscardi" della frazione di Lavorate la sfida tra Living Sarno ed Olympic Salerno, valevole per il 23esimo turno del girone G del campionato regionale di Prima Categoria. I biancorossi, dopo il rocambolesco pari con la Fidelis Agro, vanno a caccia dell'aritmetica salvezza e si avviano a fungere da arbitri della corsa promozione e play-off affrontando da qui alla fine quasi tutte le contendenti al trono a partire proprio dai gialloblu di mister Sabbarese, vittoriosi all'andata a Baronissi 0-3 lo scorso novembre. Sfide che da sole infondono stimoli e motivazioni a prescindere dalla situazione di classifica: "Il campionato non è affatto finito. - rammenta capitan Gianmarco Caldarelli - Abbiamo da onorare il torneo fino alla fine e ci attendono partite da vivere al massimo come i derby con Baronissi e Guiscards e quelle come la prossima domenicale contro una squadra che sta facendo un ottimo campionato. Vogliamo chiudere nel migliore dei modi cercando di toglierci delle soddisfazioni ed arrivare più in alto possibile continuando a divertirci tutti insieme. Il gruppo è solido ed è la costante, purtroppo in campo è spesso mancata la continuità di rendimento anche per via di episodi controversi, infortuni, squalifiche e così via. La gara di domenica scorsa? C'è rammarico, venivamo da una settimana turbolenta con il cambio di allenatore e siamo partiti col freno a mano tirato ma poi ci siamo ripresi e potevamo anche vincerla, il pareggio è tutto sommato comunque giusto".

Contro la Fidelis si è registrato l'esordio alla guida della prima squadra di mister Alfonso Zucaro: "E' stata una gara dai due volti, approcciata male subendo due reti per nostre disattenzioni ma mi è piaciuta molto la reazione dei ragazzi che per ben due volte hanno reagito e meritato sicuramente il pareggio rischiando anche di vincerla. Sicuramente rivedremo qualcosa dal punto di vista tattico, il 4-3-3 è l'abito che più si calza alle caratteristiche di questa squadra. Con il 4-4-2 abbiamo sofferto troppo". L'occasione è stata propizia per rinnovare la fiducia ai giovani del vivaio: "Abbiamo un buon serbatoio, il nostro obiettivo è formare ragazzi pronti poi per affermarsi in prima squadra. Con l'Under 17 siamo partiti da zero e stiamo affrontando un buon cammino, con la Juniores i ragazzi sotto età fanno esperienza e velocizzano il proprio percorso di crescita. Con i grandi abbiamo bisogno di ricambi, gente fresca ragion per cui non avrò problemi a lanciarli nella mischia da qui alla fine, certo che sono in grado di dare il proprio contributo". Arbitro dell'incontro sarà il sig. Samuel Di Cataldo di Nola.