Ladispoli, Manoni avverte il Latte Dolce: «Sarà il nostro banco di prova»

19.10.2019 23:30 di Francesco Vigliotti   Vedi letture
Ladispoli, Manoni avverte il Latte Dolce: «Sarà il nostro banco di prova»

Altra partita di quelle che “si sentono” e creano quella giusta atmosfera di voglia di fare bene. Domenica pomeriggio si ritorna all’Angelo Sale, davanti al pubblico tirrenico: l’avversario sarà il Sassari Latte Dolce, niente meno che l’attuale capolista, reduce dalla recente vittoria contro l’Aprilia Racing che gli è valsa la vetta solitaria.

Il Ladispoli invece arriva alla gara dopo una sfortunata sconfitta rimediata “Anco Marzio” di Ostia che ha messo a dura prova gli uomini di Zeoli. Ad introdurre la gara di domenica e ad illustrare il periodo che sta passando la squadra è il capitano classe 1997, Francesco Manoni: “Vorrei iniziare parlando dell’approccio avuto nella partita contro l’Aprilia che secondo me è stato ottimo, abbiamo fatto una partita di cuore e di temperamento e ovviamente non meritavamo il risultato finale. Un pareggio poteva andarci anche stretto sono sincero”.

“Nella scorsa gara contro l’Ostia Mare, anche lì l’approccio della squadra è stato ottimo: nel primo tempo non avevamo veramente da recriminare niente, ovviamente abbiamo fatto dei piccoli errori tattici e di attenzione che alla fine hanno portato ad essere puniti e a farci rimanere con l’amaro in bocca. Questa è una squadra che si sta modellando piano piano e si sta compattando, siamo tutti fiduciosi sull’obiettivo finale”.

Manoni, da capitano che si rispetti, ci tiene a raccontare l’impegno che ci stanno mettendo i suoi “vorrei fare un plauso ai ragazzi perché la dedizione e la passione, il lavoro e sacrificio che stanno mettendo negli allenamenti è solo da invidiare e da capitano posto posso dire che sono veramente orgoglioso di far parte di questo gruppo e veramente sono sicuro che ci toglieremo determinate soddisfazioni, arriveremo a obiettivo sicuramente”.

“La partita di domenica purtroppo o per fortuna è una di quelle dove è gli stimoli non possono e venire a mancare, adesso come adesso dobbiamo fare anche caso alla realtà, noi siamo poi il fanalino di coda loro il faro centrale. Quella di domenica è veramente una di quelle partite belle da giocare. Dobbiamo fare affidamento su di noi, ci dobbiamo guardare tutti in faccia, prenderci per mano e per 90 minuti giocare coesi fino alla morte perché non ci possiamo non ci possiamo permettere di sbagliare. Fino ad ora infatti ogni piccola disattenzione che abbiamo avuto siamo stati puniti: domenica secondo me è il banco di prova per fare quel salto di qualità sia mentale, sia fisico, sia tattico che di squadra per andare ad approcciare le prossime partite come finali”.

Dopo la sconfitta di Ostia, si sono susseguite voci di malcontento e di crisi che sono arrivate fin dentro lo spogliatoio: “Tralasciando le tante voci di corridoio, i tanti piccoli pensieri che la gente, purtroppo ignorante, ha avuto in questi giorni, ci tengo a ribadire che il gruppo è forte, unito e non ci sono tanti problemi di spogliatoio come si dice in giro, sappiamo tutti problemi che ci sono, ma tutta la situazione è sotto controllo. Ogni volta ci guardiamo in faccia da uomini veri, perché lo spogliatoio è formato da uomini prima che da giocatori e tutti insieme mano per mano con lo staff e la società che stanno facendo un grande lavoro arriveremo a quello che ci siamo prefissati il 24 agosto. Dal 24 agosto questo gruppo ha avuto un miglioramento meraviglioso e avuto un miglioramento clamoroso, giorno dopo giorno. Quindi fiducia al gruppo e alla società fiducia lo staff siamo pronti per andare affrontare queste finali che ci permetteranno di arrivare alla salvezza”.