Cavese-Cosenza è amarcord

04.04.2013 18:00 di Massimo Poerio  articolo letto 1478 volte
Fonte: cavese calcio
Cavese-Cosenza è amarcord

La sfida tra Cavese e Cosenza rappresenta senza dubbio uno dei classici e sentiti confronti del calcio meridionale, nell’incrocio del blasone calcistico tra la Campania e la Calabria. I confronti tra aquilotti e lupi della Sila sono, però, un po’ distribuiti a caso nel tempo, anche per l’alternarsi delle fortune calcistiche dei due club. La Cavese ospitò, ad ogni modo, il Cosenza per la prima volta nella stagione di IV Serie del 1952/53 ed i metelliani riportano un successo per 2-1 grazie alle reti di Zattoni e Santoni, mentre per gli ospiti accorciò nel finale Pavesi. Al termine di quel campionato il Cosenza retrocesse. Ma nel 54/55 i silani erano nuovamente in IV Serie e passarono largamente in casa della Cavese per 5-1. Le reti portavano la firma di Ferrara (3 gol), Buda e Culot. Per la Cavese il gol della bandiera fu di Antonio Nonis.


Un nuovo confronto si registrò nel campionato di Serie C1 del 1980/81 ed oltretutto abbastanza particolare, in quanto si giocò sul neutro di Frosinone e sancì la vittoria  e la promozione in Serie B degli aquilotti. Dinanzi ad oltre 10.000 tifosi della Cavese la squadra di Santin si impose per 3-1 con le reti di De Tommasi, Turini ed ancora De Tommasi. Particolarmente bello fu il gol di Turini, ex-milanista, su calcio di punizione. Nel 1984/85, invece, il Cosenza ottenne il suo primo punto in trasferta contro la Cavese. I calabresi impattarono, infatti, per 1-1 al Lamberti. I gol sono di Marulla al 1’ e di La Rosa al 37’ su rigore. Nella stagione successiva del 1985/86, però, la Cavese tornò ad imporsi e Urban al 25’ trasformò il rigore che superò i rossoblu. Lo stesso Urban si trasferì poi al Cosenza. La partita rimane nella memoria dei cosentini anche perché i sostenitori metelliani espongono uno striscione di 130 metri.


Il Cosenza poi sarebbe ritornato a Cava de’ Tirreni recentemente nelle ultime stagioni. Nel 2009/2010 riuscì a strappare un bel pareggio per 1-1, propiziato dai gol di Schetter e di Stefano Fiore. Un anno più tardi, invece, finì 2-2 e alla Cavese non bastò una stratosferica doppietta di Camillo Ciano.