Calciatore colpisce arbitro: arrestato per tentato omicidio. Il video choc

06.10.2021 01:30 di Davide Guardabascio   vedi letture
Calciatore colpisce arbitro: arrestato per tentato omicidio. Il video choc

Un calciatore brasiliano di seconda divisione è stato arrestato e dovrebbe essere accusato di tentato omicidio dopo aver fatto perdere i sensi a un arbitro durante una partita, secondo quanto rivelato martedì da varie fonti. Il centrocampista William Ribeiro ha fatto cadere a terra l'arbitro Rodrigo Crivellaro con un pugno e poi lo ha fatto perdere i sensi con un calcio violento alla nuca durante la partita di lunedì sera. L'assalto, poco prima dell'ora del match tra Sao Paulo-RS e Guarani, è stato ripreso dalle telecamere.

Crivellaro ha ricevuto rapidamente assistenza medica sul campo e poi portato in ospedale, anche se è stato dimesso martedì mattina "in buona salute", ha detto all'AFP una fonte dell'ospedale Sao Sebastiao Martir nella città di Venancio Aires. Vinicius Assuncao, l'ispettore di polizia incaricato del caso, citato dalla stampa locale, ha detto che Ribeiro sarebbe stato accusato di tentato omicidio. L'arbitro "è stato colpito mentre era in piedi ed è caduto senza potersi difendere", ha detto Assuncao.

"Potrebbe essere stato un decesso o un grave trauma cranico". Le immagini televisive mostrano giocatori di entrambe le parti che salutano freneticamente il personale medico subito dopo l'attacco. Leggi anche Il club di Ribeiro, il San Paolo-RS, avrebbe dovuto festeggiare il suo 113° anniversario. "Offriamo tutte le scuse del mondo all'arbitro e alla sua famiglia, così come ci scusiamo con i tifosi... per la scena pietosa", ha detto il club in una nota.

Sao Paulo-RS ha detto di aver licenziato Ribeiro e di intraprendere un'azione legale contro di lui. La partita è stata sospesa al 59' con Guarani in vantaggio per 1-0, e da quel momento dovrebbe riprendere martedì sera. La federazione calcistica locale ha dichiarato che valuterà la punizione di Ribeiro, mentre il sindacato arbitrale regionale ha chiesto che il giocatore sia bandito dal calcio.